Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 17 APRILE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale udito. Oms: “Nel 2050 un quarto popolazione mondiale avrà problemi di udito. Prevenzione e cura sottovalutati anche nei Paesi ricchi”


In tutto circa 2,5 miliardi di persone di cui 700milioni avranno bisogno di cure dedicate. Già oggi a soffrire di problematiche dell'udito sono 1,5 miliardi persone. L’allarme lanciato in questi giorni riguarda anche i Paesi a medio ed alto reddito dove spesso la prevenzione e la cura dei disturbi dell’udito sono sottovalutati. Oms calcola che per ogni dollaro investito in prevenzione e cura se ne risparmiano 16 per spese future più impegnative. IL RAPPORTO OMS.

05 MAR - Quasi 2,5 miliardi di persone in tutto il mondo ─ ovvero una persona su quattro ─ vivranno con un certo grado di ipoacusia entro il 2050 e almeno 700 milioni di queste necessiteranno di cure e altri servizi di riabilitazione a meno che non venga intrapresa un'azione.
 
Lo sottolinea il primo rapporto mondiale sull'udito dell'Organizzazione mondiale della sanità, pubblicato in occasione della Giornata mondiale dell’Udito del 3 marzo scorso.
 
"La nostra capacità di sentire è preziosa. La perdita dell'udito non trattata può avere un impatto devastante sulla capacità delle persone di comunicare, studiare e guadagnarsi da vivere. Può anche avere un impatto sulla salute mentale delle persone e sulla loro capacità di sostenere relazioni", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS.
 
"Questo nuovo rapporto delinea l'entità del problema, ma offre anche soluzioni sotto forma di interventi basati sull'evidenza che incoraggiamo tutti i paesi a integrare nei loro sistemi sanitari come parte del loro viaggio verso la copertura sanitaria universale", ha aggiunto il Dg dell’Oms.
 
Il rapporto sottolinea la necessità di intensificare rapidamente gli sforzi per prevenire e affrontare la perdita dell'udito investendo e ampliando l'accesso ai servizi di cura dedicati.
 
L'investimento nella cura dell'orecchio e dell'udito si è dimostrato efficace anche in termini di risparmi: l'OMS ha infatti stimato un ritorno di quasi 16 dollari ogni dollaro investito nella prevenzione e nella cura
 

 
Principali risultati del rapporto
La mancanza di informazioni accurate e atteggiamenti stigmatizzanti nei confronti delle malattie dell'orecchio e della perdita dell'udito spesso limitano le persone dall'accesso alle cure per queste condizioni.
 
Anche tra gli operatori sanitari, c'è spesso una carenza di conoscenze sulla prevenzione, l'identificazione precoce e la gestione della perdita dell'udito e delle malattie dell'orecchio, ostacolando la loro capacità di fornire le cure richieste.
Nella maggior parte dei paesi, la cura dell'orecchio e dell'udito non è ancora integrata nei sistemi sanitari nazionali e l'accesso ai servizi di assistenza è difficile per chi soffre di malattie dell'orecchio e ipoacusia. Inoltre, l'accesso alla cura dell'orecchio e dell'udito è scarsamente misurato e documentato e gli indicatori pertinenti mancano nel sistema informativo sanitario.
 
Ma il divario più evidente nella capacità del sistema sanitario è nelle risorse umane. Tra i paesi a basso reddito, circa il 78% ha meno di uno specialista in otorinolaringoiatria per milione di abitanti; Il 93% ha meno di un audiologo per milione; solo il 17% ha uno o più logopedisti per milione; e il 50% ha uno o più insegnanti per non udenti per milione.
 
Questa lacuna, sottolinea l’Oms, può essere colmata attraverso l'integrazione della cura dell'orecchio e dell'udito nell'assistenza sanitaria primaria.
 
Anche nei paesi con proporzioni relativamente elevate di professionisti dell'udito, c'è una distribuzione ineguale degli specialisti. Ciò non solo pone sfide alle persone bisognose di cure, ma pone anche richieste irragionevoli ai quadri che forniscono questi servizi.
 
Principali cause di perdita dell'udito
Nei bambini, quasi il 60% della perdita dell'udito può essere prevenuto attraverso misure come l'immunizzazione per la prevenzione della rosolia e della meningite, il miglioramento dell'assistenza materna e neonatale, lo screening e la gestione precoce dell'otite media - malattie infiammatorie dell'orecchio medio.
 
Negli adulti, il controllo del rumore, l'ascolto sicuro e la sorveglianza dei medicinali ototossici insieme a una buona igiene dell'orecchio possono aiutare a mantenere un buon udito e ridurre il potenziale di perdita dell'udito.
 
L'identificazione è il primo passo per affrontare la perdita dell'udito e le malattie dell'orecchio correlate. Lo screening clinico nei punti strategici della vita garantisce che qualsiasi perdita dell'udito e malattie dell'orecchio possano essere identificate il prima possibile.
 
I recenti progressi tecnologici, inclusi strumenti precisi e di facile utilizzo, possono identificare malattie dell'orecchio e perdita dell'udito a qualsiasi età, in contesti clinici o comunitari e con formazione e risorse limitate.
 
Lo screening può anche avvenire in situazioni difficili come quelle incontrate durante la pandemia COVID-19 e coloro che vivono in aree del mondo poco servite e remote.
 
Accesso a cure tempestive e appropriate
Una volta diagnosticata, l'intervento precoce è fondamentale. Il trattamento medico e chirurgico può curare la maggior parte delle malattie dell'orecchio, potenzialmente invertendo la perdita dell'udito associata. Tuttavia, laddove la perdita dell'udito è irreversibile, la riabilitazione può garantire che le persone colpite evitino le conseguenze negative della perdita dell'udito. È disponibile una gamma di opzioni efficaci.
 
La tecnologia acustica, come gli apparecchi acustici e gli impianti cocleari, se accompagnata da adeguati servizi di supporto e terapia riabilitativa è efficace ed economica e può portare benefici sia ai bambini che agli adulti.
 
Il rapporto dell’Oms rileva poi che l'uso del linguaggio dei segni e altri mezzi di sostituzione sensoriale come la lettura del parlato sono opzioni importanti per molte persone sorde; la tecnologia di assistenza all'udito e i servizi come i sottotitoli e l'interpretazione nella lingua dei segni possono migliorare ulteriormente l'accesso alla comunicazione e all'istruzione per le persone con problemi di udito.
 
"Per garantire che il vantaggio di questi progressi tecnologici e soluzioni sia equamente accessibile a tutti, i paesi devono adottare un approccio integrato incentrato sulle persone", ha affermato Bente Mikkelsen, direttore del Dipartimento delle malattie non trasmissibili dell'OMS. "Integrare gli interventi di cura dell'orecchio e dell'udito all'interno dei piani sanitari nazionali e fornirli attraverso sistemi sanitari rafforzati, come parte della copertura sanitaria universale, è essenziale per soddisfare le esigenze di coloro che sono a rischio o che convivono con ipoacusia", ha concluso.

05 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy