Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Hiv. Approvato dall’Fda il test "fai-da-te"

Facile e veloce: basta inserire un campione di saliva e dopo 20-40 minuti si ottiene la risposta. Dall’Fda arriva l’ok per la commercializzazione, ma gli esperti specificano: “Non vogliamo sostituisca il test in ospedale, la sieropositività deve essere confermata dalle normali analisi”.

05 LUG - È facile da usare come un test di gravidanza, e come questo da oggi potrà essere comprato in farmacia, quantomeno negli Stati Uniti. L’Fda ha infatti approvato la commercializzazione del nuovo test fai-da-te per l’Hiv. Basta un campione di saliva e in un tempo compreso tra i 20 e i 40 minuti dà un responso: se appaiono due linee vuol dire che con una sicurezza del 92% si è positivi al virus, altrimenti no, e si può stare più meno tranquilli. La casa produttrice, Ora Sure, non sa ancora quanto costerà il test della saliva, ma promette che il prezzo non supererà i 60 dollari, poco ovvero circa 50€.
 
La decisione rappresenta il secondo passo in avanti per i pazienti statunitensi in una sola settimana, dopo che a fine giugno era partito il progetto pilota per il quale nelle farmacie si potrà fare lo stesso test veloce in maniera completamente gratuita e con l’aiuto di operatori preparati proprio a questo scopo. “Si tratta di una serie di iniziative positive, che ci aiuteranno a tenere sotto controllo questa epidemia che ormai ha compiuto 30 anni”, ha spiegato Anthony S. Fauci, uno dei maggiori esperti nella ricerca sull’Aids che oggi è direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases statunitense. “Mettere una persona a conoscenza del fatto che ha contratto il virus dell’Hiv vuol dire poterla trattare con i farmaci antiretrovirali, che diminuiscono addirittura del 96% il rischio che l’infezione si propaghi ulteriormente. Il test dunque è uno strumento di prevenzione importantissimo”.

L’idea del test a casa ha però dovuto superare numerose resistenze. Da una parte perché si temevano le reazioni delle persone che scoprivano di essere sieropositive senza avere accanto il sostegno psicologico e medico adeguato, che invece avrebbero potuto ricevere in ospedale o in farmacia. Dall’altra perché in effetti questo test non è accurato come quelli che si possono fare sul sangue in ospedale: sebbene sia molto preciso nel giudicare l’assenza del virus – la negatività è correttamente predetta nel 99,98% dei casi, dunque è molto raro che una persona che non ha contratto Hiv risulti positiva (un caso ogni 5000) – lo è un po’ meno nel riconoscere la sieropositività, ovvero circa nel 7% dei casi, uno ogni 12, persone in realtà contagiate dal virus vengono diagnosticate come perfettamente sane. Questo, spiegano gli esperti è tuttavia un problema già noto agli sperimentatori, che devono anche fare i conti con la finestra temporale di circa tre mesi in cui l’organismo non ha ancora prodotto anticorpi seppure l’Hiv è stato contratto, e dunque questo risulta impossibile da individuare.
 
In ogni caso l’ente statunitense,dopo l’approvazione ha specificato che l’intenzione non è comunque quella di sostituire i test clinici, e che comunque ogni diagnosi di sieropositività va confermata dal medico. Tuttavia, anche per mettere ognuno a suo agio in un momento delicato, è importante che ciascuno possa decidere dove scoprire se è sieropositivo o meno. Della stessa idea anche i gruppi di consapevolezza che da tempo spingevano per l’approvazione. “Il test in casa permette a tutti di scegliere il modo migliore per fare questo passo difficile”, ha commentato Tom Donhoue, direttore di Who’s Positive, organizzazione no-profit che si occupa dei pazienti affetti da Aids. “La forza di affrontare la risposta dipende anche dal potere di decidere dove, quando e con chi scoprirla”.

05 luglio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy