Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 07 DICEMBRE 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Ospedali. In tre anni “rubati” farmaci per un valore di 22 milioni di euro. Il Rapporto Transcrime

Il dato registrato nel periodo dal 2011 a maggio 2014. In totale 110 casi di furto, 37 solo nei primi cinque mesi del 2014. Il fenomeno riguarda in media un ospedale su 10 e comporta una perdita di 250 mila euro a furto. I più rubati sono gli oncologici. Le Regioni più colpite la Campania e la Puglia. “Evidente il coinvolgimento delle associazioni criminali”. IL RAPPORTO

10 MAR - "Negli ultimi anni il furto di farmaci dagli ospedali italiani è emerso come un fenomeno criminale in piena espansione. Questo problema rappresenta una grave minaccia per la salute delle persone, il bilancio nazionale, i ricavi delle imprese e la concorrenza legale. Tuttavia, gli studi riguardanti il ​​furto di farmaci mancano, come la maggior parte della ricerca si concentra solo sulla contraffazione dei medicinali". È per queste ragioni che Transcrime, il Centro interuniversitario di ricerca sulla criminalità transnazionale dell'Università Cattolica di Milano e dell'Università degli studi di Trento, ha stilato il report "The Theft of Medicines from Italian Hospitals". La ricerca si basa su dati relativi furti di farmaci recuperati da articoli di giornale online e altri resoconti dei media dal 2006 al maggio 2014.

Nel periodo analizzato, i media hanno riferito di 110 casi di furti di medicinali provenienti da ospedali italiani (37 solo negli ultimi cinque mesi considerati), in media, quasi un ospedale su 10. Il 44% dei furti è accaduto durante i mesi invernali. In  totale la perdita economica complessiva è stata di oltre 22 milioni di Euro.


“Una cifra – si legge nello studio – che è probabilmente sottostimata a causa della sottostima dei furti su piccola scala, e la propensione dei manager per affrontare reati internamente per evitare danni reputazionali”. In media, ogni furto ha prodotto una perdita di circa 250 mila euro, anche se “questo valore può essere sopravvalutato perché i media sono propensi a concentrarsi più sui furti di medicinali che comportano una perdita economica significativa”.
 
I farmaci più rubati. In testa gli oncologici. I farmaci oncologici sono risultati in 52 casi come il tipo più attraente per i criminali. A seguire troviamo gli immunosoppressivi, antireumatico e farmaci biologici. Tutti farmaci che come rileva l’indagine “sono quelli ad alto prezzo, che possono produrre più alto gli utili quando sono venduti sul mercato illegale o reinseriti nel mercato legale”.  La maggior parte dei furti per cui i tipi di farmaci sono stati segnalati rubati coinvolgono farmaci di classe H. “Queste evidenze – ipotizza il report - suggeriscono i farmaci di classe H rubati possono essere rivenduti a fornitori legali, ospedali o cliniche, in Italia o all'estero dopo essere stati 'riciclati' da grossisti fittizi.
 
Le Regioni più colpite. Campania e Puglia al vertice. I furti di farmaci si sono verificati in tutta l'intero paese, ma Campania e Puglia sono le regioni di maggior preoccupazione, dove si sono verificati il 45% dei casi.
Dall’indagine emerge che le regioni orientali e meridionali sono le aree italiane più esposte. Una prima ragione “è perché sono vicino a possibili mete di farmaci rubati (Europa dell’Est  e Grecia)”. Un altro motivo è “probabilmente a causa della presenza della criminalità organizzata” che “sembra avere la conoscenze necessarie per identificare, rubare, negozio, trasporto e posto su farmaci i mercati illegali. Alcuni ospedali hanno subito più di un evento come il Federico II di Napoli che ha subìto cinque furti tra il 2006 e il 2013. Da notare come più di un furto su quattro (28%) ha visto coinvolto il personale.
 
Il caso Herceptin. Un'indagine dei Carabinieri del Nas e AIFA ha scoperto come il famarco anti-cancro (Herceptin) e altri farmaci rubati in Italia venivano venduti a fornitori giuridiche, tra cui farmacie, in diversi Stati membri dell'UE (Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Spagna e Portogallo). Le prove hanno dimostrato il coinvolgimento di gruppi criminali organizzati (inclusi anche la camorra) e grossisti registrati in Italia, che utilizzavano paesi come Lettonia, Slovacchia, Ungheria, Slovenia e Romania per il "riciclaggio" dei farmaci rubati.
 
Le ragioni dei furti. Una varietà di fattori determina la  domanda per i farmaci rubati. “Da un lato una quota della domanda proviene da individui che sono disposti a comprare farmaci a un prezzo inferiore o farmaci non rimborsati dal Ssn Italiano. Un'altra possibile destinazione è il riutilizzare sul mercato illegale. Questo è il caso per la sintesi di droghe illegali o doping. I medicinali rubati possono anche rientrare nel commercio legale attraverso il commercio all'ingrosso di aziende fittizi o intermediari corrotti, e che può essere venduto ai paesi ad alto prezzo o la riesportazione verso ospedali italiani e farmacie. Ciò è possibile a causa di lacune sistemi di tracciabilità e l'alto la liberalizzazione del farmaco mercato”.

10 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy