Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 27 MAGGIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Commissione Ue: “Esposizione a reti wifi e cellulari non aumenta rischio tumori cerebrali”

di L.F.

Per il Comitato scientifico sui rischi sanitari emergenti  “non ci sono evidenti effetti negativi per la salute se l'esposizione rimane al di sotto dei livelli raccomandati dalla normativa. Nel complesso, gli studi epidemiologici sull'esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza non mostrano un aumento del rischio di tumori cerebrali”. IL DOCUMENTO

13 MAR - “I risultati delle attuali ricerche scientifiche mostrano che non ci sono evidenti effetti negativi per la salute se l'esposizione ai campi elettromagnetici rimane al di sotto dei livelli raccomandati dalla normativa europea. Nel complesso, gli studi epidemiologici sull'esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza non mostrano un aumento del rischio di tumori cerebrali. Inoltre, essi non indicano un aumento del rischio per altri tumori della regione della testa e del collo”. Questo è quanto riporta il parere finale fornito dal Comitato scientifico sui rischi sanitari emergenti della Commissione Ue  (SCENIHR). Il documento affronta questioni di interesse pubblico, come i potenziali effetti sulla salute dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF EMF) emessi da trasmettitori telefoni, Wi-Fi e di trasmissione mobile, così come da frequenze estremamente basse (ELF) i campi magnetici provenienti dalle linee di alimentazione e tutte quelle elettrici di casa o ufficio.

Nel documento si evidenzia come “i risultati della ricerca scientifica attuale non collegano l'esposizione ai campi elettromagnetici al di sotto dei limiti suggeriti dalla normativa UE, a problemi di salute.


Nel complesso, “gli studi epidemiologici sul cellulare, esposizione a radiofrequenza, campi elettromagnetici non mostrano un aumento del rischio di tumori cerebrali. Inoltre, essi non indicano un aumento del rischio per altri tumori della regione della testa e del collo”.
“L'associazione  – si legge ancora nel documento - di campi elettromagnetici ad un aumentato rischio di malattia di Alzheimer che è stato suggerito da studi precedenti non è stata confermata da nuovi studi che non hanno trovato alcun collegamento”.

“Gli studi epidemiologici collegano – conclude il documento - l'esposizione a frequenze estremamente basse (ELF) per chi vive a lungo in prossimità di linee elettriche, ad esempio, ad un più alto tasso di leucemia infantile. Questa correlazione non è stata né spiegata né supportata da studi animali e cellulari. Finora, i risultati della ricerca non sono stati in grado di trovare un possibile meccanismo per spiegare questa associazione. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare o escludere una possibile associazione causale”.
 
L.F.

13 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy