Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 GIUGNO 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Renzi e la sanità. Non c’è nessun progetto di privatizzazione in atto

Piuttosto questo governo ha deciso di ridurre d’imperio il fabbisogno della sanità, convinto ingenuamente di poter compensare il costo della sanità con una pari riduzione delle diseconomie e questo spiazza tutti (Regioni e sindacati). Perché nel sistema delle diseconomie, delle regressività e delle anti economie, alla fine, non si sta poi così male. Ma questo non vuol dire che opporsi a tale politica non sia possibile

20 GEN - L’articolo di Roberto Polillo pubblicato su (Qs 11 gennaio 2016) secondo me è una occasione preziosa per riflettere sul senso sul ruolo e su come fare opposizione in sanità. Per me si tratta di prendere coscienza non solo come dice Polillo giustamente, dello stato di crisi del sistema, ma anche dello stato di crisi in cui versa il nostro inconcludente sindacalismo e più in generale il pensiero riformatore della sanità.
 
Polillo parla di “modello mercantista della sanità” che io, con un fondo sanitario di ben 111 mld e con il grande apparato pubblico usato per spenderlo (operatori compresi) e con un sistema di finanziamento basato ancora sulla fiscalità, non riesco proprio a vedere. A meno di definire “mercantista”...gli effetti collaterali del definanziamento e i tentativi  di Confindustria  di fare spazio ai fondi assicurativi. Ma in questo caso non parlerei di “modello mercantista” ma di modello pubblico minacciato da importanti contraddizioni che a tutt’oggi però non sono ancora riuscite a metterlo in discussione.

 
Polillo attribuisce a questo governo una strategia quindi una volontà non tanto e solo banalmente contro riformatrice ma addirittura orientata a controvertere il sistema (privato in luogo di pubblico) e a spianare vergognosamente la strada alle “lobbies private e confessionali”. Questa lettura, come la prima, per me è semplicemente sbagliata oltreché   ideologica quindi fuorviante.
 
Fino ad ora l’unico tentativo serio di cambiare il sistema pubblico è stato fatto dal governo Berlusconi (Libro Verde e Libro Bianco del ministro Saccaoni 2008/2009) ma da allora in poi i governi compreso quello in carica si sono dedicati a “tempo pieno” a ridurre in nome della sostenibilità in tutti i modi possibili il fabbisogno della sanità con criticabili politiche di riduzione della spesa pubblica, ma (almeno fino ad ora domani non si sa) a modello pubblico invariante.
 
Quello che Polillo non dice, ma non solo lui, è che le premesse a certa privatizzazione strutturale del sistema sanitario sono state poste “pragmaticamente” da un governo di sinistra (Prodi 1° - 1996/2000) e più esattamente dalla riforma di Rosi Bindi del ‘99 che, con il consenso dei sindacati,  introdusse l’intra moenia negli ospedali, le mutue integrative bandite dalla riforma del ‘78, le sperimentazioni gestionali che oggi ci  hanno regalato il “project financing”. Per non parlare di quell’impiastro contrattuale che Mario Pirani in un celebre articolo definì “todos caballeros”, la famosa dirigenza data a tutti, e che oggi il sindacalismo medico fa finta che sia piovuta dal cielo.
 
Oggi il governo riduce d’imperio il fabbisogno della sanità convinto ingenuamente di poter compensare il costo della sanità con una pari riduzione delle diseconomie e questo spiazza tutti (Regioni e sindacati) perché nel sistema delle diseconomie, delle regressività, delle anti economie alla fine non si sta poi così male.
 
In questo sistema tutti, compreso il sindacato, hanno fatto i loro comodi. E’ un topos della retorica sindacale prendersela con la politica che certamente non brilla per rigore e parlare di “modello mercantista” quindi buttarla in caciara (ideologia) ma sapeste quanti servizi e quanto primariati sono stati dati con la tessera sindacale! Ne vogliamo parlare? Sapeste quante alleanze collusive tra gestione e sindacati sono state fatte “sistemando” i sindacalisti o i loro parenti o i loro affiliati! Ma andiamo avanti.
 
Ci siamo dimenticati che l’operazione del governo ribadita anche con l’ultima legge di stabilità, “meno soldi meno diseconomie” è stata anticipata addirittura con una legge di riforma dalla Bindi che secondo me (aporie normative a parte) con grande intelligenza politica già 17 anni fa tentava di “compensare ” con il consenso dei sindacati  le risorse contingentate addirittura con una razionalizzazione a scala  nazionale.
 
Ve lo ricordate il titolo della 229? "Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale". E allora mi spiegate perché il sindacato oggi non riesce a proporre al governo almeno uno straccio di razionalizzazione del lavoro in cambio dei rinnovi contrattuali? E perché uno serio bravo preparato come Polillo sulla cui onestà intellettuale e vocazione riformatrice non ho dubbi, ci propone una vertenza sul niente, mettendo su un movimento improbabile da far capitanare alla Fnomceo che, se Polillo potesse, bagnerebbe di benzina per darle fuoco.
 
Polillo i sindacati certa sinistra ritengono che per difendere la sanità pubblica serva la lotta, il movimento, lo scontro, lo sciopero, la mobilitazione ecc. Per costoro la piattaforma diventa secondaria (“pochi punti” dice Polillo) quello che conta è aprire una “vertenza a livello nazionale”contro il governo. Cioè mostrare i muscoli e fare opposizione.
 
Il termine “opposizione” in filosofiasta ad indicare   la condizione per cui qualcosa si pone, materialmente e/o idealmente, in netto contrasto rispetto ad un'altra. Ma se valutiamo quello che è accaduto dopo gli Stati Generali dei medici, dopo la manifestazione a Roma, dopo lo sciopero del 16 dicembre 2015 e se valutiamo come sono andate le cose nel 2012 (la grande manifestazione alla quale seguì solo la mortificazione), ci accorgiamo che ormai la classica rivendicazione oppositiva (finanziamenti contro definanziamenti) finisce per essere regolarmente ignorata ma solo perché  finisce per essere  annullata per questioni di illogicità.
 
Cosa vuol dire illogico e come è possibile annullare un conflitto? L'annullamento tra due opposti (governo/sindacati) avviene grazie ad una contraddizione logica dovuta ad una piattaforma sindacale  che si limita ad esprimere in modo acritico solo il conflitto da “risorse” e “non risorse” considerando le “non risorse” (blocco dei contratti, del turn over, decapitalizzazione, ecc.) solo   in relazione alle “risorse” che vorrebbero i sindacati (rinnovi contrattuali, crescita delle retribuzioni, percorsi di carriera).
 
Ai sindacati che ci sia la crisi, la medicina difensiva, gli sprechi, i problemi di disavanzo, la regressività, le diseconomie, la questione medica, i vincoli dell’Europa…ecc., interessa poco, loro vogliono soldi per rinnovare contratti e convenzioni, e tirare a campare.
 
Il punto debole di questa idea di opposizione è che il contrasto “risorse”, “non risorse” è falso, e come tale è funzionale solo alle arretratezze e agli interessi del sindacato, perché a partire dalla 229 il problema è diventato, almeno sul piano delle possibilità teoriche, “risorse in cambio di risorse” cioè “razionalità in cambio di irrazionalità” quindi “contratti in cambio di cambiamento” , ”economie in cambio di diseconomie”…ecc.
 
Quello che i sindacati denunciano come il problema delle risorse, dandogli quindi una connotazione negativa potrebbe assumere al contrario una connotazione positiva e a certe condizioni offrirsi come una grande occasione per fare pulizia, far funzionare meglio le cose, farle costare di meno e dare ai cittadini di più, ammodernare il sistema e salvare la sanità pubblica dal degrado.
 
Il genere di opposizione che ci propone Polillo, e nei fatti il sindacato, è ideologica quindi fuori gioco, ma non perché essa è implausibile ma solo perché i termini dello scontro sono cambiati. Mettere in opposizione i contratti con le politiche finanziarie del governo e definire i primi come positivi e le seconde negative oggi serve al sindacato perché non sa fare altro che mettersi o in una relazione consociativa come ai tempi della 229 o come ora in una  relazione di opposizione con il governo.
 
Ma nessuno impedisce al sindacato di presentare una piattaforma nella quale i contratti sono finanziati con l’azzeramento di certe diseconomie legate al lavoro, al clientelismo sindacale, ai costi della regressività culturale degli operatori, alla storica invarianza del lavoro cioè ad un pensiero riformatore.
 
Questo giornale ha offerto ai medici un e-book per ricordare loro  che esiste una “questione medica”  da affrontare  e che  dalla sua risoluzione non solo dipende il futuro della professione  ma la possibilità oggi di riaprire tutti i giochi a partire dai contratti. Non c’è stato un cane che abbia fatto “bau”, pur registrando un numero imponente di persone che l’hanno scaricato (oltre 6.000 fino ad oggi).
 
Insomma oggi la natura dell’opposizione tra le cose, grazie alla crisi, è cambiata. Essa non è più “soldi” contro “non soldi” ma è tra conservazione e cambiamento. Oggi in sanità conservare le tante irrazionalità che vi sono è illogico, quindi fuori gioco. Il sindacato si rivela quello che nell’ambito del lavoro è sempre stato un formidabile conservatore dello status quo, un riparametratore di retribuzioni, costi quel che costi.
 
La sua opposizione al governo oggi diventa illogica non perché non vi siano ragioni per opporsi al governo, al contrario, ma solo perché è illogico oltre che suicida opporsi ad uno scambio economia/diseconomia. Se la sanità fosse perfetta le politiche di definanziamento del governo non avrebbero nessuna giustificazione ma siccome la sanità è tutt’altro che perfetta, cosa ci impedisce di tendere (lo dico scherzando) alla perfezione costando di meno?
 
In sostanza vorrei dire a Polillo e agli altri, cioè ai miei naturali compagni di battaglia, che oggi l’opposizione si deve fare e che il governo va certamente contestato ma in un altro modo, cioè sfidando la sua incompetenza riformatrice con una nuova competenza riformatrice, quella che purtroppo  non c’è e nessuno dimostra di avere, a parte un po’ di marginalismo e di razionalizzazione.
 
Vorrei tanto avere la possibilità di presentare al governo una piattaforma che abbia uno spessore riformatore tale da misurare effettivamente la volontà riformatrice che questo controverso governo dice di avere sulla sanità. Fino a quando non si avrà una intesa sulle riforme da fare circa il lavoro, questo governo non potrà fare a altro che contro riformarlo e decapitalizzarlo.   
 
Quindi finiamola con il vertenzialismo facilone e vediamo di rimboccarci le maniche e di fare le persone serie
 
Ivan Cavicchi

20 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy