Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 LUGLIO 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

World Health Statistics 2017. Della metà dei decessi a livello mondiale non viene registrata la causa. Così è difficile sapere dove intervenire

Ma in ogni caso le cose migliorano. Nel 2005 le cause di morte conosciute e notificate erano solo un terzo del totale. Ma molti paesi ancora non raccolgono abitualmente i dati con la qualità adatta a monitorare gli indicatori SDG (Sustainable Development Goals) relativi alla salute. L'analisi della situazione dell'Oms obiettivo per obiettivo.  IL RAPPORTO OMS. LE APPENDICI: SEI LINEE DI AZIONE PER PROMUORE LA SALUTE NEL 2030; LO STATO DEGLI OBIETTIVI DI SALUTE; LE STORIE DEI SUCCESSI NEI PAESI.

18 MAG - Nel Rapporto World Health Statistics dell'Oms, anticipato ieri per quanto riguarda gli insuccessi (soprattutto sui vaccini) e i successi dell'Italia, sono contenute le statistiiche di salute di 194 paesi e il loro progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile, tra cui una serie di dati su mortalità, malattie, e indicatori del sistema sanitario, come aspettativa di vita, malattia e morte per causa,  servizi e  trattamenti sanitari,  investimenti finanziari nella sanità , fattori di rischio e comportamenti che influenzano la salute.
 
L'Oms ad esempio considera un successo che nel 2015 si sia giunti al dato che quasi la metà di tutti i decessi (27 milioni su 56 milioni di morti) a livello globale sono registrati con una causa ben definita:  i nuovi dati dell'Oms mostrano i miglioramenti ottenuti nei vari Paesi, mettendo in evidenza quelli che di più si sono dati da fare sul monitoraggio dei progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Oss).

 
Nel 2005, solo circa un terzo dei decessi aveva una causa registrata. Diversi paesi hanno fatto passi significativi verso il rafforzamento dei dati raccolti, tra cui la Cina, la Turchia e la Repubblica islamica dell'Iran, dove il 90% dei decessi sono ora registrati con le informazioni dettagliate di causa di morte, contro il 5% nel 1999.
 
"Se i paesi non sanno perché le persone si ammalano e muoiono, è molto più difficile sapere cosa fare al riguardo -  ha detto Marie-Paule Kieny, vicedirettore generale per i Sistemi sanitari e innovazione dell’Oms -. "L’Oms sta lavorando con i paesi per rafforzare i sistemi di informazione sanitaria e per consentire loro di ottenere progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile."
 
La World Health Statistics, fornisce quindi un'istantanea dei dati positivi e delle minacce per la salute della popolazione mondiale. Ma mentre la qualità dei dati di salute è notevolmente migliorata negli ultimi anni, molti paesi ancora non raccolgono abitualmente i dati con la qualità adatta a monitorare gli indicatori SDG (Sustainable Development Goals) relativi alla salute.
 
Il rapporto include i nuovi dati sui progressi verso la copertura sanitaria universale che mostrano che a livello mondiale, dieci misure di copertura essenziale del servizio sanitario sono migliorate dal 2000.
 
La copertura del trattamento per l'HIV e le zanzariere per prevenire la malaria sono aumentati di più, da livelli molto bassi nel 2000. Sono in costante aumento anche l'accesso assistenza prenatale e ai servizi igienici adeguati, mentre ha rallentato la copertura di immunizzazione dei bambini di routine dal 2000 al 2010, tra il 2010 e il 2015.
 
L'accesso ai servizi è solo una dimensione della copertura sanitaria universale. L’altra è  quanto la gente può pagare di tasca propria per tali servizi. 
I dati più recenti provenienti da 117 paesi mostrano che una media del 9,3% delle persone in ogni paese spende più del 10% del loro bilancio familiare per l'assistenza sanitaria, un livello di spesa che rischia di esporre una famiglia a difficoltà finanziarie.
 
Di seguito una selezione di dati sui progressi verso gli obiettivi di SDG relativi alla salute.
SDG 3: Garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutti a tutte le età
Obiettivo 3.1 Entro il 2030, ridurre il rapporto di mortalità materna globale a meno di 70 ogni 100.000 nati vivi
Circa 830 donne sono morte ogni giorno a causa di complicazioni della gravidanza o del parto nel 2015. La riduzione del tasso di mortalità materna a partire da 216 per 100.000 nati vivi nel 2015 a meno del 70 per 100.000 entro il 2030 richiederà un tasso medio annuo di declino tra il 1990 e il 2015 più che triplicato.
 
Obiettivo 3.2: entro il 2030, morti evitabili di neonati e bambini sotto i 5 anni di età, con l'obiettivo di ridurre la mortalità neonatale
Nel 2015, il tasso di mortalità neonatale globale era 19 per 1000 nati vivi e il tasso di mortalità sotto i cinque nel 2015 era 43 per 1000 nati vivi, che rappresenta cuna calo del 37% e 44% rispettivamente dal 2000.
Obiettivo 3.3: Entro il 2030, porre fine alle epidemie di Aids,  tubercolosi, malaria e malattie tropicali trascurate e combattere l'epatite, malattie di origine idrica e altre trasmissibili
Si stima che circa 2,1 milioni di persone sono state contagiate da HIV nel 2015, il 35% in meno rispetto al numero di nuovi contagi nel 2000 (circa 3,2 milioni).
Ci sono stati circa 212 milioni di casi di malaria a livello globale nel 2015. Circa il 60% della popolazione a rischio ha avuto accesso a un insetticida per il trattamento nel 2015, rispetto al 34% nel 2010.
 
Obiettivo 3.4: Entro il 2030,  ridurre di un terzo la mortalità prematura da malattie non trasmissibili attraverso la prevenzione e il trattamento e promuovere la salute mentale e il benessere.
La probabilità di morire di diabete, cancro, malattie cardiovascolari e malattie polmonari croniche tra i 30 e i 70 anni è del 19%, in calo del 17% rispetto al 2000. Tuttavia, il numero totale di morti per malattie non trasmissibili è in aumento a causa della crescita della popolazione e dell'invecchiamento.
Quasi 800.000 decessi per suicidio si sono verificati nel 2015, con il tasso più alto nella regione europea dell'Oms (14,1 per 100.000 abitanti) e il tasso più basso nella Eastern Region Mediterraneo dell'Oms (3,8 per 100.000).
 
Obiettivo 3.5: Rafforzare la prevenzione e il trattamento di abuso di sostanze, incluso l'abuso di stupefacenti e l'uso nocivo di alcol
Il livello globale di consumo di alcol nel 2016 era 6,4 litri di alcol puro per persona di età compresa tra 15 anni o più. Nel 2015, più di 1,1 miliardi di persone fumato tabacco.
Obiettivo 3.6: entro il 2020, dimezzare il numero di decessi e le lesioni da incidenti stradali a livello mondiale
Circa 1,25 milioni di persone sono morte per incidenti stradali nel 2013, un aumento del 13% dal 2000. Gli incidenti stradali sono la principale causa di morte per le persone di età compresa tra 15-29 anni.
 
Obiettivo 3.7: Nel 2030, garantire l'accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva, anche per la pianificazione familiare, l'informazione e l'educazione, l'integrazione di salute riproduttiva nelle strategie e dei programmi nazionali.
Nel 2016, il 76,7% delle donne in età riproduttiva aveva la loro pianificazione familiare basata su un metodo contraccettivo moderno. Questo dato è sceso al 50% nella regione africana dell'Oms.
Il tasso di natalità tra le adolescenti nel 2015 era 44,1 per 1000 ragazze di età compresa 15-19 anni.
 
Obiettivo 3.8: raggiungere una copertura sanitaria universale, che comprenda la protezione dei rischi finanziari, l'accesso ai servizi sanitari essenziali di qualità e l'accesso sicuro, efficace e di qualità ai farmaci essenziali a prezzi accessibili e vaccini per tutti.
Dieci misure di copertura essenziale del servizio sanitario sono migliorate dal 2000. Per esempio, il 49% delle persone con tubercolosi sono ora trattate, rispetto al 23% del 2000, e l’ 86% dei bambini ricevere tre dosi di vaccino difterite-tetano-pertosse, rispetto al  72% nel 2000.
Dati recenti provenienti da 117 paesi mostrano che una media del 9,3% delle persone in ogni paese spende più del 10% del loro bilancio familiare per l'assistenza sanitaria.
 
Obiettivo 3.9: nel 2030, ridurre il numero di decessi e malattie da sostanze chimiche pericolose e aria, acqua e suolo contaminati
Nel 2012, l'inquinamento dell'aria interna ed esterna ha causato una stima di 6,5 milioni di decessi nel mondo, l’11,6% di tutti i decessi. La regione del Pacifico occidentale è la più colpita.
Acqua non potabile, servizi igienico-sanitari e la mancanza di igiene sono stati responsabili di 871.000 morti stimati nel 2012. La maggior parte di queste morti sono state nella regione africana e la regione del Sud-Est asiatico.
 
Gli obiettivi che coinvolgono la salute fuori dell’obiettivo 3
Obiettivo 1.2: entro il 2030, ridurre almeno della metà la proporzione di uomini, donne e bambini di tutte le età che vivono in povertà in tutte le sue dimensioni in base alle definizioni nazionali
Nel 2014, la spesa media sanitaria di un governo come percentuale della spesa pubblica totale è stata del 11,7%, andando dall’8,8% nella regione del Mediterraneo orientale al 13,6% nella regione delle Americhe.
 
Obiettivo 2.2: nel 2030, porre fine a tutte le forme di malnutrizione, entro il 2025 interrompere il fenomeno dell’arresto della crescita nei bambini sotto i 5 anni di età, e soddisfare le esigenze nutrizionali degli adolescenti, in gravidanza e in allattamento e delle persone anziane
22,9% dei bambini sotto i 5 anni di età stenta a crescere e vanno dal 6,1% nella regione europea al 33,8% nel Sud-Est asiatico.
6,0% dei bambini sotto i 5 anni sono invece in sovrappeso, e vanno dal 4,1% nella regione africana al 12,8% nella regione europea.
 
Obiettivo 7.1: nel 2030, garantire l'accesso universale ai servizi energetici a prezzi accessibili, affidabili e moderne
Nel 2014, il 57% della popolazione mondiale ha potuto fare affidamento principalmente su combustibili puliti, e si va dal 16% nella regione africana a oltre il 95% nella regione europea
 
Obiettivo 16.1: ridurre in modo significativo tutte le forme di violenza e di tassi di mortalità
Nel 2015 ci sono stati circa 468.000 omicidi, che vanno da 1,7 per 100.000 nella regione del Pacifico occidentale a 18,6 per 100.000 nella regione delle Americhe.
 
Obiettivo 17.19: nel 2030, costruire fare in modo iniziative epidemiologico statistiche di sviluppare su iniziative esistenti misure di progresso per lo sviluppo sostenibile a favore del prodotto interno lordo, soprattutto nei paesi in via di sviluppo
Nel 2015 il 48% dei decessi sono stati registrati con una causa di morte, e vanno dal 5% dei decessi nella regione africana al 95% nella regione europea.
Solo la metà degli Stati membri dell'Oms ha registrato almeno l'80% dei decessi con informazioni valide sulla causa della morte.
Oltre le statistiche modiali, l'Oms ha pubbliato altre tre appendici sulla salute globale: 
- Sei linee di azione per promuore la salute nel 2030 per uno sviluppo sostenibile
- Lo stato degli obiettivi di salute
- Le storie dei successi nei Paesi

18 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy