Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 GENNNAIO 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Un anno con l’Oms. Dalla guerra all’industria del tabacco alla fine dell’epidemia di Aids entro il 2030. Tutti i target e i progetti del 2017

Anno 2017: in rassegna i problemi chiave di salute .Tutte le tappe degli interventi Oms nell'anno appena concluso con i principali risultati ottenuti e gli obiettivi fino al 2030. L'elenco completo e tutti i documenti Oms che riguardano le singole materie sono consultabili on line a questo link.

08 GEN - Rassega Oms dei principsli temi della sua ttività 2017. in questa sintesi riportiamo qulli a carattere globale che so o stati tutti trattati sulle pagine di Quotidiano Sanità nel corso dell'anno.

L'elenco completo e tutti i documenti Oms che riguardano le singole materie sono consultabili on line a quetso link.

Gennaio
L’anno si apre con una vera e propria dichiarazione di guerra dell’Oms alle industrie del tabacco: lasciate incontrollate  l'impatto mortale dei loro prodotti costano alle economie mondiali più di 1 trilione di dollari l'anno in spese sanitarie e perdita di produttività, secondo i risultati pubblicati su The economic of tobacco and tobacco control . Attualmente, circa 6 milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell'uso del tabacco, e la maggior parte vive in paesi in via di sviluppo.
Il controllo del tabacco è una componente chiave della risposta globale dell'Oms all'epidemia di NCD, principalmente malattie cardiovascolari, tumori, malattie polmonari ostruite croniche e diabete. Le malattie non trasmissibili causano la morte di circa 16 milioni di persone ogni anno prematuramente (prima del 70° compleanno). Ridurre l'uso del tabacco gioca un ruolo importante negli sforzi globali per raggiungere l'obiettivo di sviluppo sostenibile di ridurre i decessi prematuri da NCD di un terzo entro il 2030.

L’Oms si oppone all’industria del tabacco e sostiene i Governi a ridurne l’uso attraverso misure come la tassa sul tabacco e l’aumento dei prezzi.

L’Oms lancia una campagna per incrementare la vaccinazione contro il morbillo. Oltre 500 casi di morbillo sono stati segnalati a gennaio 2017 nella regione europea dell'OMS. Il morbillo continua a diffondersi all'interno e tra i paesi europei, con la possibilità di causare ampi focolai ovunque la copertura vaccinale sia scesa al di sotto della soglia necessaria del 95%.Gli esperti tecnici dell'Oms collaborano strettamente con i paesi europei per raggiungere l’obiettivo, fornendo un supporto completo per rafforzare i programmi di immunizzazione, aumentare l'immunità della popolazione e la fiducia nei vaccini, costruire capacità di sorveglianza delle malattie e rispondere alle epidemie in linea con l'impegno dei paesi verso l'eliminazione.

Febbraio
L’Oms diffonde una nuova guida, lanciata in vista della Giornata mondiale contro il cancro (4 febbraio), per migliorare le possibilità di sopravvivenza per le persone che vivono con il cancro, garantendo che i servizi sanitari possano concentrarsi sulla diagnosi e il trattamento della malattia in precedenza.
I dati dell'Oms indicano che ogni anno 8,8 milioni di persone muoiono di cancro, seconda causa di morte a livello globale, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito. Un problema è che molti casi di cancro vengono diagnosticati troppo tardi. Anche in paesi con sistemi e servizi sanitari ottimali, molti casi di cancro vengono diagnosticati in una fase avanzata, quando sono più difficili da trattare con successo.
L'Oms e la comunità internazionale hanno stabilito obiettivi per ridurre tali morti premature di NCD del 25% entro il 2025 e di un terzo entro il 2030, queste ultime come parte degli SDG. I paesi hanno approvato una serie di obiettivi per affrontare le malattie non trasmissibili, tra cui la messa a disposizione di tecnologie mediche di base accessibili e farmaci essenziali per il trattamento di tumori e altre condizioni nelle strutture sanitarie.

Allarme dell’Oms: servono nuovi antibiotici. La maggior parte dei farmaci attualmente nella pipeline clinica sono modifiche di classi esistenti di antibiotici e sono solo soluzioni a breve termine. L’Oms ha rilevato pochissime potenziali opzioni di trattamento per le infezioni resistenti agli antibiotici identificate  come la più grave minaccia per la salute, compresa la tubercolosi resistente ai farmaci che uccide circa 250 000 persone ogni anno.

L’Oms ha pubblicato anche la sua prima lista di "agenti patogeni prioritari" resistenti agli antibiotici - un catalogo di 12 famiglie di batteri che rappresentano la più grande minaccia per la salute umana.
L'elenco è stato redatto per  guidare e promuovere la ricerca e lo sviluppo  di nuovi antibiotici, come parte degli sforzi dell'OMS per affrontare la crescente resistenza globale ai farmaci antimicrobici.
I nuovi trattamenti da soli, tuttavia, non saranno sufficienti per combattere la minaccia della resistenza antimicrobica. L'Oms collabora con paesi e partner per migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni e promuovere un uso appropriato degli antibiotici esistenti e futuri. L'Oms sta anche sviluppando linee guida per l'uso responsabile degli antibiotici nei settori umano, animale e agricolo.

Marzo
Primo argomento del mese è l’inquinamneto ambientale. Oltre 1 su 4 decessi di bambini sotto i 5 anni sono attribuibili a ambienti malsani. Ogni anno, i rischi ambientali - come l'inquinamento dell'aria interna ed esterna, il fumo passivo, l'acqua non sicura, la mancanza di servizi igienici e l'igiene inadeguata - costano la vita a 1,7 milioni di bambini sotto i 5 anni, affermano due nuovi rapporti dell'Oms.
Nell'ambito degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) i paesi stanno lavorando a una serie di obiettivi per guidare gli interventi per la salute ambientale dei bambini, e a porre fine alle morti evitabili di neonati e bambini sotto i cinque anni entro il 2030. Oltre all'SDG 3, che mira a garantire vite salutari e promuovere il benessere per tutti, altri SDG lavorano per migliorare l'acqua, i servizi igienici e l'igiene, la transizione verso l'energia pulita per ridurre l'inquinamento atmosferico e invertire i cambiamenti climatici - tutti avranno un impatto sulla salute dei bambini.

Focus Oms sulla poliomielite che  colpisce principalmente i bambini sotto i 5 anni di età e in un caso su 200 porta a paralisi irreversibile. Tra quelli paralizzati, dal 5% al 10% muoiono quando i loro muscoli respiratori vengono immobilizzati.
I casi di polio sono diminuiti di oltre il 99% dal 1988, da circa 350.000 casi a 37 casi segnalati nel 2016. Come risultato dello sforzo globale per eradicare la malattia, oltre 16 milioni di persone sono state salvate dalla paralisi.
Finché un bambino singolo rimane infetto, i bambini in tutti i paesi sono a rischio di contrarre la polio. La mancata eliminazione della polio da queste ultime roccaforti rimanenti potrebbe comportare fino a 200.000 nuovi casi ogni anno, entro 10 anni, in tutto il mondo.
Una volta sradicata la polio secondo l’Oms, il mondo avrà raggiunto un importante  obiettivo globale. La modellizzazione economica ha scoperto che l'eradicazione della poliomielite salverebbe almeno tra 40 e 50 miliardi di dollari tra il 1988 e il 2035, soprattutto nei paesi a basso reddito. Soprattutto, il successo significherà che nessun bambino dovrà mai più soffrire gli effetti terribili della paralisi polio per tutta la vita.

L’Oms lancia una campagna contro l’elefantiasi. La filariosi linfatica altera il sistema linfatico e può portare all'anormale allargamento delle parti del corpo, causando dolore, grave disabilità e stigma sociale.
Attualmente 856 milioni di persone in 52 paesi in tutto il mondo rimangono minacciate dalla filariosi linfatica e richiedono chemioterapia preventiva per fermare la diffusione di questa infezione parassitaria.
Nel 2000 oltre 120 milioni di persone sono state infettate, con circa 40 milioni di persone sfigurate e rese incapaci dalla malattia.
La filariosi linfatica può essere eliminata arrestando la diffusione dell'infezione attraverso la chemioterapia preventiva con combinazioni di farmaci sicuri, ripetute ogni anno per almeno 5 anni. Dal 2000 sono stati consegnati 6,7 miliardi di trattamenti per fermare la diffusione dell'infezione.

Aprile

Campagna Oms contro la depressione. La depressione è un disturbo mentale comune. A livello globale, oltre 300 milioni di persone di tutte le età soffrono di depressione.
La depressione è la principale causa di disabilità in tutto il mondo e contribuisce in maniera determinante al peso globale della malattia. Più donne sono affette da depressione rispetto agli uomini.
Nel peggiore dei casi, la depressione può portare al suicidio. Ci sono trattamenti efficaci per la depressione.
La depressione è una delle condizioni prioritarie coperte dal Programma d'azione sul divario di salute mentale dell'Oms (mhGAP). Il programma mira ad aiutare i paesi ad aumentare i servizi per le persone con disturbi mentali, neurologici e di uso di sostanze, attraverso l'assistenza fornita da operatori sanitari che non sono specialisti in salute mentale. Il Programma afferma che con cura, assistenza psicosociale e farmaci, decine di milioni di persone con disturbi mentali, inclusa la depressione, potrebbero iniziare a condurre una vita normale, anche quando le risorse sono scarse.

L’ Oms segnala risultati sorprendenti nell'affrontare le malattie tropicali trascurate (NTD) dal 2007. Si stima che 1 miliardo di persone siano state trattate solo nel 2015.
Solo nel 2015 un miliardo di persone sono state curate per almeno una malattia tropicale trascurata.

Un record di 3 milioni di persone sono state in grado di ottenere cure per l'epatite C negli ultimi due anni, e nel 2016 2,8 milioni di persone in più hanno intrapreso un trattamento per l'epatite B per tutta la vita.
Nuovi dati dell'Oms di aprile  provenienti da 28 paesi - che rappresentano circa il 70% del carico globale dell'epatite - indicano che gli sforzi per eliminare l'epatite stanno prendendo piede. Pubblicato in coincidenza con World Hepatitis Day, i dati rivelano che quasi tutti i 28 paesi hanno istituito comitati per l'eliminazione dell'epatite nazionale di alto livello (con piani e obiettivi in atto) e più della metà hanno stanziato finanziamenti dedicati per le risposte all'epatite.
In occasione della Giornata mondiale contro l'epatite, l'Oms chiede ai paesi di continuare a tradurre i loro impegni in servizi potenziati per eliminare l'epatite. Questa settimana, l'OMS ha anche aggiunto un nuovo trattamento generico all'elenco dei farmaci per l'epatite C prequalificati dall'OMS per aumentare l'accesso alla terapia e sta promuovendo la prevenzione attraverso la sicurezza dell'iniezione: un fattore chiave nella riduzione della trasmissione dell'epatite B e C.

Alla vigilia della Giornata Mondiale della Malaria a Nairobi, l'Oms ha chiesto di accelerare gli sforzi per prevenire la malaria e salvare vite umane.
La malaria è una malattia mortale causata da parassiti che vengono trasmessi alla gente attraverso le punture di infetti femminili Anopheles zanzare. È prevenibile e curabile.
Nel 2016 si sono registrati 216 milioni di casi di malaria in 91 paesi, con un aumento di 5 milioni di casi rispetto al 2015.
Le morti per malaria hanno raggiunto 445.000 nel 2016, un numero simile (446.000) al 2015.
I fondi totali per il controllo e l'eliminazione della malaria hanno raggiunto 2,7 miliardi di dollari nel 2016. I contributi dei governi dei paesi endemici sono stati di US $ 800 milioni, pari al 31% dei finanziamenti.
I futuri progressi nella lotta per prevenire la malaria saranno probabilmente modellati dai progressi tecnologici e dalle innovazioni in nuovi strumenti, compresi nuovi interventi di controllo dei vettori e possibilmente un vaccino.

Maggio
Focus Oms sulla raccolta dei dati sanitari: quasi la metà di tutti i decessi a livello mondiale sono ora registrati con una causa, nuovi dati dell'Oms mostrano, evidenziando i miglioramenti ottenuti dai paesi sulla raccolta di statistiche vitali e sul monitoraggio dei progressi verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG).
Dei circa 56 milioni di decessi a livello mondiale nel 2015, 27 milioni sono stati registrati con una causa di morte, secondo le statistiche mondiali sulla salute dell'OMS. Nel 2005, solo circa un terzo dei decessi aveva una causa registrata. Diversi paesi hanno compiuto passi significativi verso il rafforzamento dei dati raccolti, tra cui Cina, Turchia e Repubblica islamica dell'Iran, dove il 90% dei decessi è ora registrato con informazioni dettagliate sulla causa di morte, rispetto al 5% nel 1999.
L'Osservatorio mondiale della salute dell'Oms aggiorna le statistiche sanitarie di oltre 1000 indicatori sanitari durante tutto l'anno. I membri del pubblico possono utilizzarlo per trovare le ultime statistiche sulla salute a livello globale, regionale e nazionale.

Nuova dichiarazione congiunta sulla divulgazione al pubblico dei risultati degli studi clinici. I firmatari della  dichiarazione affermano che la registrazione prospettica e la tempestiva divulgazione al pubblico dei risultati di tutti gli studi clinici hanno un'importanza scientifica ed etica critica. Inoltre, la divulgazione tempestiva dei risultati riduce gli sprechi nella ricerca, aumenta il valore e l'efficienza nell'utilizzo dei fondi e riduce l'errore di segnalazione, che dovrebbe portare a un migliore processo decisionale in materia di salute.
Un ulteriore vantaggio è che i medici, gli organismi professionali e il pubblico in generale potranno accedere ai risultati da una più ampia percentuale di studi clinici.
Infine, i pazienti in cerca di arruolamento nelle sperimentazioni cliniche saranno in grado di accedere ai risultati di studi clinici precedentemente completati nella loro area, in quanto prendono decisioni su quali studi clinici potrebbero desiderare di iscriversi.

A maggio arriva la nomina di Tedros Adhanom Ghebreyesus come nuovo direttore generale dell'Oms.
Nella sua dichiarazione programmatica Tedros ha affermato tra l’altro che “immagino un mondo in cui tutti possano condurre una vita sana e produttiva, indipendentemente da chi sono o dove vivono. Credo che l'impegno globale per lo sviluppo sostenibile, sancito gli obiettivi di sviluppo sostenibile, offra un'opportunità unica per affrontare i determinanti sociali, economici e politici della salute e migliorare la salute e il benessere delle persone in tutto il mondo.
Il raggiungimento di questa visione richiede un’Oms forte ed efficace, in grado di affrontare le sfide emergenti e raggiungere gli obiettivi di salute e di sviluppo sostenibile. Ci vuole una leadership Oms che abbia nuova vita e unisca la salute pubblica, la competenza diplomatica e politica necessaria per affrontare le sfide più urgenti del nostro tempo”.

Giugno
L’Oms ha pubblicato l'elenco aggiornato dei farmaci essenziali con nuovi consigli sull'uso di antibiotici e aggiungendo medicinali per l'epatite C, l'HIV, la tubercolosi e il cancro.
Nella lista l’Oms aggiunge 30 farmaci per gli adulti e 25 per i bambini, e specifica nuovi usi per 9 prodotti già elencati, portando il totale a 433 farmaci ritenuti essenziali per affrontare i più importanti bisogni di salute pubblica. L'Elenco dei farmaci essenziali dell'OMS (EML) è utilizzato da molti paesi per aumentare l'accesso ai farmaci e guidare le decisioni in merito ai prodotti che garantiscono siano disponibili per le loro popolazioni.

Per la giornata mondiale della donazione del sangue l’Oms pubblica una guida sul  quadro globale di azioni per ottenere una donazione di sangue volontaria al 100% è stato sviluppato congiuntamente dall'Organizzazione mondiale della sanità e dalla Federazione internazionale delle società della Croce rossa e della Mezzaluna rossa. La guida è progettata per fornire assistenza e orientamento ai paesi che intendono stabilire programmi volontari di donatori di sangue efficaci, eliminare gradualmente la donazione di sangue di famiglia / sostitutiva ed eliminare la donazione a pagamento.
L’obiettivo è il raggiungimento del 100% di donazioni di sangue volontarie non retribuite in tutti i paesi del mondo. Si basa sul riconoscimento che i donatori di sangue volontari non remunerati sono la base di un rifornimento di sangue sicuro e sostenibile. Senza un sistema basato sulla donazione volontaria non retribuita del sangue, una donazione volontaria particolarmente regolare, nessun paese può fornire sangue sufficiente per tutti i pazienti che necessitano di trasfusione.

Circa 1 su 6 persone anziane sperimentano una qualche forma di abuso, una cifra superiore a quella stimata in precedenza e che si prevede aumenterà quando le popolazioni invecchiano in tutto il mondo.
Un nuovo studio, sostenuto dall'Oms e reso noto a giugno, pubblicato su Lancet Global Health, ha rilevato che quasi il 16% delle persone di età pari o superiore a 60 anni sono stati sottoposti a abuso psicologico (11,6%), abuso finanziario (6,8%), negligenza (4,2% ), abuso fisico (2,6%) o abuso sessuale (0,9%). La ricerca si basa sulle migliori prove disponibili di 52 studi in 28 paesi di diverse regioni, tra cui 12 paesi a basso e medio reddito.
Le azioni prioritarie per l'abuso agli anziani nella strategia includono:
-  migliorare gli studi sulla frequenza dell'abuso agli anziani, in particolare nei paesi a basso e medio reddito del Sud-Est asiatico, del Medio Oriente e dell'Africa, per i quali vi sono pochi dati
-  raccogliere prove e sviluppare orientamenti su ciò che funziona per prevenire e rispondere efficacemente agli abusi sugli anziani. Come primo passo, i governi devono valutare gli sforzi esistenti, come la formazione per gli operatori sanitari e l'uso delle linee di assistenza telefonica, e pubblicare questi risultati
- sostenere i paesi per prevenire e rispondere agli abusi sugli anziani.

L’Oms si occupa della salute dei migrati. Più persone sono in movimento ora che mai. Attualmente si contano circa 1 miliardo di migranti nel mondo, di cui 250 milioni sono migranti internazionali e 763 milioni di migranti interni, uno su sette della popolazione mondiale. Oggi 65 milioni di migranti interni e internazionali del mondo sono sfollati con la forza. Questo rapido aumento del movimento della popolazione ha importanti implicazioni per la salute pubblica e richiede pertanto una risposta adeguata da parte del settore sanitario.
Il diritto di tutti a godere del più alto livello raggiungibile di salute fisica e mentale è stabilito nella Costituzione dell'Oms del 1948. Esistono standard e convenzioni internazionali sui diritti umani ratificati per proteggere i diritti dei migranti e dei rifugiati, incluso il loro diritto alla salute. Tuttavia, molti rifugiati e migranti spesso non hanno accesso ai servizi sanitari e alla protezione finanziaria per la salute.
 
Circa 3 su 10 persone in tutto il mondo,  2,1 miliardi, non hanno accesso all'acqua sicura e prontamente disponibile a casa, e 6 su 10, o 4,5 miliardi, mancano di servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro, secondo un nuovo rapporto dell'Oms e dell'UNICEF.
Il rapporto del Joint Monitoring Programme (JMP), Progress on drinking water, fognature e igiene: aggiornamento 2017 e linee di base dello Sviluppo Sostenibile , presenta a luglio la prima valutazione globale di servizi di acqua potabile e servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro. La conclusione principale è che troppe persone ancora non hanno accesso, in particolare nelle zone rurali.

Luglio
L’Oms calcola i costi degli obiettivi di sviluppo sostenibile. L'SDG Health Price Tag modella due scenari: uno scenario "ambizioso" in cui gli investimenti sono sufficienti per raggiungere gli obiettivi di salute negli SDG entro il 2030 e uno scenario di "progresso" in cui i paesi ottengono due terzi o più di gli obiettivi.
In entrambi gli scenari, gli investimenti in sistemi sanitari come l'assunzione di più operatori sanitari; costruzione e gestione di nuove cliniche, ospedali e laboratori; e l'acquisto di attrezzature mediche rappresenta circa il 75% del totale. I costi rimanenti sono relativi a medicinali, vaccini, siringhe e altri prodotti usati per prevenire o curare malattie specifiche e per attività quali formazione, campagne sanitarie e sensibilizzazione alle comunità vulnerabili.
Nell'ambito dello scenario "ambizioso", il raggiungimento degli obiettivi di salute degli SDG richiederebbe nuovi investimenti in aumento nel tempo, da un iniziale di 134 miliardi di dollari all'anno a 371 miliardi di dollari, o 58 dollari a persona, entro il 2030.
Lo scenario ambizioso prevede l'aggiunta di oltre 23 milioni di operatori sanitari e la costruzione di oltre 415.000 nuove strutture sanitarie, il 91% delle quali sarebbero centri sanitari primari.
Lo scenario di "progresso" richiederebbe nuovi investimenti da 104 miliardi di dollarI iniziali a 274 miliardi, o 41 dollari a persona, entro il 2030. Questi investimenti impedirebbero circa 71 milioni di morti premature e aumenterebbero la spesa sanitaria in proporzione del PIL a una media del 6,5%. Più di 14 milioni di nuovi operatori sanitari verrebbero aggiunti e quasi 378 000 nuovi servizi sanitari costruiti, il 93% dei quali sarebbe centri di assistenza sanitaria di base.

In tutto il mondo, 12,9 milioni di bambini, quasi 1 su 10, non hanno ricevuto alcuna vaccinazione nel 2016, secondo le più recenti stime di immunizzazione dell'Oms e dell'UNICEF. Ciò significa, in modo critico, che questi bambini non hanno preso la prima dose di vaccino contro la difterite-tetano-pertosse (DTP), mettendo a serio rischio queste malattie potenzialmente fatali. Inoltre, circa 6,6 milioni di neonati che hanno ricevuto la loro prima dose di vaccino contenente DTP non hanno completato la serie di immunizzazione DTP a tre dosi (DTP3) completa nel 2016. Dal 2010, la percentuale di bambini che hanno ricevuto il loro corso completo di vaccinazioni di routine si è arrestato all'86% (116,5 milioni di bambini), senza cambiamenti significativi in nessun paese o regione nell'ultimo anno. Questo non raggiunge l'obiettivo di copertura dell'immunizzazione globale del 90%. L'Oms sta lavorando con paesi e partner per migliorare la copertura vaccinale globale, anche attraverso queste iniziative adottate dall'Assemblea mondiale della sanità nel maggio 2012.
 
Agosto
Nessun paese al mondo soddisfa pienamente gli standard raccomandati per l'allattamento al seno, secondo un nuovo rapporto dell'UNICEF e dell'Oms in collaborazione con il Global Breastfeeding Collective, una nuova iniziativa per aumentare i tassi globali di allattamento al seno. La Global Breastfeeding Scorecard , che ha valutato 194 nazioni, ha scoperto che solo il 40 per cento dei bambini di età inferiore ai sei mesi è allattato esclusivamente al seno (dato nient'altro che il latte materno) e solo 23 paesi hanno tassi di allattamento esclusivo al di sopra del 60 per cento.
L'allattamento al seno è fondamentale per il raggiungimento di molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Migliora la nutrizione (SDG2), previene la mortalità infantile e diminuisce il rischio di malattie non trasmissibili (SDG3) e supporta lo sviluppo cognitivo e l'educazione (SDG4). L'allattamento al seno è anche un fattore abilitante per porre fine alla povertà, promuovere la crescita economica e ridurre le disuguaglianze.
 
Settembre
 Dopo un declino costante da oltre un decennio, la fame globale è di nuovo in aumento, colpendo 815 milioni di persone nel 2016, ovvero l'11% della popolazione mondiale, afferma una nuova edizione del rapporto annuale delle Nazioni Unite sulla sicurezza alimentare e nutrizionale mondiale pubblicato oggi. Allo stesso tempo, molteplici forme di malnutrizione minacciano la salute di milioni di persone in tutto il mondo. L'aumento - 38 milioni di persone in più rispetto all'anno precedente - è in gran parte dovuto alla proliferazione di conflitti violenti e shock legati al clima, secondo Lo stato di sicurezza alimentare e nutrizione nel mondo 2017. Il Summit sulla nutrizione di Milano ha evidenziato il ruolo potenziale delle città nella creazione di migliori sistemi alimentari per i propri cittadini, evidenziando il Patto per la politica alimentare urbana di Milano, un patto internazionale firmato da 159 città di tutto il mondo con oltre 470 milioni di abitanti. L'obiettivo era di sfruttare l'eredità della prima conferenza Nutrition for Growth tenutasi a Londra nel 2013, che ha mobilitato oltre 4 miliardi di dollari per progetti nutrizionali e 19 miliardi di dollari per progetti che migliorano la nutrizione attraverso progetti in altri settori come agricoltura, acqua e servizi igienico-sanitari.
 
Ottobre
Il numero di bambini e adolescenti obesi (dai 5 ai 19 anni) in tutto il mondo è aumentato di dieci volte negli ultimi quarant'anni. Se le tendenze attuali continuano, più bambini e adolescenti saranno obesi rispetto a moderatamente o severamente sottopeso entro il 2022, secondo un nuovo studio condotto dall'Imperial College di Londra e dall'Oms.
Lo studio è stato pubblicato su The Lancet in vista del World Obesity Day (11 ottobre). Ha analizzato le misurazioni di peso e altezza da quasi 130 milioni di persone di età superiore ai cinque anni (31,5 milioni di persone di età compresa tra 5 e 19 e 97,4 milioni di età compresa tra 20 e più anziani), rendendolo il più grande numero di partecipanti coinvolti in uno studio epidemiologico. Più di 1000 partecipanti hanno partecipato allo studio, che ha esaminato l'indice di massa corporea (BMI) e come l'obesità è cambiata in tutto il mondo dal 1975 al 2016.
I tassi di obesità nei bambini e negli adolescenti del mondo sono aumentati da meno dell'1% (equivalenti a cinque milioni di ragazze e sei milioni di ragazzi) nel 1975 a quasi il 6% nelle ragazze (50 milioni) e quasi l'8% nei ragazzi (74 milioni) nel 2016. Combinato, il numero di obesi da 5 a 19 anni è aumentato più di dieci volte a livello globale, da 11 milioni nel 1975 a 124 milioni nel 2016. Altri 213 milioni sono stati sovrappesati nel 2016 ma sono scesi sotto la soglia dell'obesità.

L'Oms ha sviluppato il "Piano d'azione globale per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili 2013-2020" che mira a raggiungere gli impegni della Dichiarazione politica delle Nazioni Unite sulle malattie non trasmissibili (NCD), approvata dai capi di Stato e di governo nel settembre 2011 Il "Piano d'azione globale" contribuirà al progresso su 9 obiettivi globali della NCD da raggiungere entro il 2025, compresa una riduzione relativa del 25% della mortalità prematura da NCD entro il 2025 e un arresto dell'innalzamento dell'obesità globale per adeguarsi ai tassi del 2010 .
Capi di stato e di governo e ministri di tutto il mondo si sono impegnati a intraprendere nuove e coraggiose azioni per ridurre la sofferenza e la morte da malattie non trasmissibili (NCD), principalmente malattie cardiache e polmonari, tumori e diabete, i principali killer del mondo.
I governi hanno approvato la Roadmap di Montevideo 2018-2030 sulle malattie non trasmissibili come priorità di sviluppo sostenibile all'apertura della conferenza globale di tre giorni sulle malattie non trasmissibili a Montevideo, ospitata dall'Oms e dalla presidenza dell'Uruguay.
- Le malattie non trasmissibili (NCD) uccidono 40 milioni di persone ogni anno, equivalenti al 70% di tutti i decessi a livello globale.
- Ogni anno, 15 milioni di persone muoiono da una NCD di età compresa tra i 30 ei 69 anni; oltre l'80% di queste morti "premature" si verificano nei paesi a basso e medio reddito.
- Le malattie cardiovascolari rappresentano la maggior parte delle morti NCD, ovvero 17,7 milioni di persone ogni anno, seguite da tumori (8,8 milioni), malattie respiratorie (3,9 milioni) e diabete (1,6 milioni).
- Questi 4 gruppi di malattie rappresentano oltre l'80% di tutte le morti premature di NCD.
-  L'uso del tabacco, l'inattività fisica, l'uso dannoso di alcol e diete malsane aumentano il rischio di morire da una NCD.
- La rilevazione, lo screening e il trattamento delle malattie non trasmissibili e delle cure palliative sono componenti chiave della risposta alle malattie non trasmissibili.
 
Ogni giorno nel 2016, 15.000 bambini sono morti prima del loro quinto compleanno, il 46% di loro, 7.000 bambini - sono morti nei primi 28 giorni di vita, secondo un nuovo rapporto delle Nazioni Unite.
Livelli e tendenze nella mortalità infantile 2017 , rivela che sebbene il numero di bambini che muoiono prima dei cinque anni si collochi a 5,6 milioni nel 2016, rispetto a circa 9,9 milioni nel 2000 - la percentuale di morti sotto i cinque anni nel neonato periodo è passato dal 41% al 46% nello stesso periodo. Il periodo intorno al parto è il più critico per salvare madri e neonati e prevenire la nascita di feti morti. Ogni anno, in tutto il mondo, 303.000 donne muoiono durante la gravidanza e il parto, 2,7 milioni di bambini muoiono durante i primi 28 giorni di vita e 2,6 milioni di bambini sono nati morti. La maggior parte di queste morti potrebbe essere prevenuta con cure di qualità durante la gravidanza e il parto.
Tuttavia, la fornitura di assistenza è irregolare all'interno e tra i paesi e spesso non rispetta i diritti e la dignità di coloro che la cercano.  primi 9 paesi della Rete si sono impegnati a identificare le azioni che intraprenderanno per migliorare la qualità dell'assistenza e lavoreranno con i partner per offrire una visione di qualità che comprenda valori di equità e dignità.
 
Novembre
A Mosca 75 ministri hanno concordato di intraprendere un'azione urgente per porre fine alla tubercolosi (TB) entro il 2030. L'annuncio è giunto alla prima conferenza ministeriale globale dell'Oms sulla fine della tubercolosi nell'era dello sviluppo sostenibile: una risposta multisettoriale, che ha riunito i delegati di 114 paesi a Mosca. Il presidente Vladimir Putin della Federazione russa ha aperto la conferenza, insieme ad Amina J Mohammed, vice segretario generale delle Nazioni Unite, e a Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. Lo sviluppo della dichiarazione ministeriale è stato guidato dalla Federazione Russa all'inizio di 2017, ed è stato guidato nella sua definizione dal Comitato direttivo della conferenza e dal Gruppo Partners. Ha coinvolto partner e consultazioni pubbliche seguite da una serie di consultazioni con gli Stati membri. La Dichiarazione affronta le quattro principali aree di risultato della Conferenza e definisce, sotto ciascun ambito, gli impegni degli Stati membri e chiede azioni a livello globale e regionale da parte dell'OMS e di una vasta gamma di partner.

Il lancio della Settimana mondiale per la consapevolezza degli antibiotici nel 2017  nella regione è stato caratterizzato da un evento tenutosi il 13 novembre presso l'Ufficio regionale dell'Oms per il Mediterraneo orientale al Cairo, in Egitto. All'evento hanno partecipato i media, i rappresentanti delle ambasciate e altre agenzie delle Nazioni Unite il Ministero della salute e della popolazione in Egitto, il mondo accademico e il personale dell'OMS.  Il messaggio di apertura del direttore regionale dell'Oms che agisce per il Mediterraneo orientale ha evidenziato l'importanza della lotta alla resistenza antimicrobica nella regione, osservando che le pratiche scorrette riguardanti il consumo inappropriato di antibiotici erano comuni. La resistenza agli antibiotici sta aumentando a livelli pericolosamente alti in tutte le parti del mondo mettendo a rischio la medicina moderna e aumentando notevolmente i costi dell'assistenza sanitaria. Affrontare la resistenza agli antibiotici è un'alta priorità per l'Oms e un piano d'azione globale sulla resistenza antimicrobica è stato approvato dagli Stati membri alla sessantottesima Assemblea mondiale della sanità nel 2015. Più recentemente la Regione ha mostrato un reale impegno a sostenere la risposta alla resistenza antimicrobica sostenendo risoluzione EM / RC64.R.
 
Dicembre
In occasione della giornata mondiale contro l’Aids lo slogan Oms è stato “ognuno conta”e l’obiettivo è l'espansione dell'accesso alle cure, tra gli SDG 2020 che mirano a porre fine all'epidemia di AIDS entro il 2030. La sessantanovesima Assemblea mondiale della sanità ha approvato una nuova strategia per il settore sanitario globale sull'HIV per il periodo 2016-2021. La strategia include 5 target strategici che guidano le azioni prioritarie dei paesi e dall'Oms nei prossimi sei anni:
· informazioni per l'azione mirata (conosci l’ epidemia e la risposta);
· interventi per l'impatto (che coprono la gamma di servizi necessari);
· agire secondo equità (che copre le popolazioni bisognose di servizi);
· finanziamento per la sostenibilità (copertura dei costi dei servizi);
· innovazione per una accelerazione (guardando al futuro).
L'Oms è un co-sponsor del Programma congiunto delle Nazioni Unite per l'AIDS (UNAIDS).
All'interno dell'UNAIDS, l'Oms conduce attività sul trattamento e la cura dell'HIV, la co-infezione da HIV e tubercolosi e coordina congiuntamente con l'UNICEF il lavoro sull'eliminazione della trasmissione dell'HIV da madre a figlio.

Altro tema di fine anno è stato quello della violenza contro le donne. La violenza contro le donne, in particolare la violenza dei partner e la violenza sessuale, è un grave problema di salute pubblica e una violazione dei diritti umani delle donne.
Stime globali pubblicate dall'Oms indicano che circa 1 su 3 (35%) delle donne di tutto il mondo ha subito violenze sessuali o di violenza sessuale non partner o fisica e / o sessuale durante la loro vita.
La maggior parte di questa violenza è violenza da partner intimo. In tutto il mondo, quasi un terzo (30%) delle donne che hanno avuto una relazione riferisce di aver subito qualche forma di violenza fisica e / o sessuale da parte del loro partner intimo durante la loro vita.
L’Oms collabora con agenzie e organizzazioni internazionali per ridurre ed eliminare la violenza a livello globale attraverso iniziative come l'Iniziativa per la ricerca sulla violenza sessuale, Together for Girls, il gruppo di lavoro Violence Against Women della Federazione internazionale degli ostetrici-ginecologi (FIGO) e il Programma congiunto delle Nazioni Unite su Essential Pacchetto servizi per donne soggette a violenza.

Almeno metà della popolazione mondiale non può ottenere servizi sanitari essenziali, secondo un nuovo rapporto della Banca Mondiale e dell'Oms. E ogni anno un gran numero di famiglie viene spinto verso la povertà perché deve pagare l'assistenza sanitaria di tasca propria.
Attualmente, 800 milioni di persone spendono almeno il 10% dei loro budget familiari per le spese sanitarie per se stessi, un bambino malato o un altro membro della famiglia. Per quasi 100 milioni di persone queste spese sono abbastanza alte da spingerle in condizioni di estrema povertà, costringendole a sopravvivere con soli $ 1,90 o meno al giorno. I risultati, pubblicati oggi su Tracking Universal Health Coverage: 2017 Global Monitoring Report, sono stati pubblicati simultaneamente su Lancet Global Health. Basandosi sul vertice G7 Ise-Shima e sul VI TICAD nel 2016, entrambi sottolineano la necessità di UHC, il Forum di Tokyo del 13 dicembre è considerato una pietra miliare per accelerare i progressi verso l'obiettivo di UHC entro il 2030, una parte fondamentale del Sustainable Obiettivi di sviluppo. I paesi si attrezzeranno quindi per il prossimo momento globale: una riunione ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite su UHC nel 2019.

08 gennaio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy