Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 22 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Caro Errani, non basta chiedere soldi in più. C’è bisogno di cambiamento

Nonostante i tanti patti per la salute sottoscritti, la spesa privata si sta mangiando i diritti e le tutele pubbliche si sono ristrette. Di questo passo la sanità pubblica affonderà comunque

05 APR - C’è un momento nell’anno sanitario, in cui Errani, storico rappresentante delle Regioni, mette fine ai lunghi preamboli dei corteggiamenti primaverili dei non detti, delle smentite, degli auspici e annuncia al mondo che: ”per quello che ci riguarda la manovra così com’è non è in grado di assicurare la tenuta del sistema sanitario”. In altre parole: per fare il Patto per la Salute servono più risorse. E via alla trattativa con il Governo per qualche euro in più.

Questo rito ormai va avanti non so più da quanti anni. Immancabilmente esso si conclude ogni volta, regolarmente con la sottoscrizione del  “Patto per la salute”, dove i cittadini, in nome e per conto delle regioni, si mangiano i rospi di stagione messi in tavola dal governo. Si può scommettere che l’anno seguente si dichiarerà: “Patto per la salute grande flop…Regioni in rovina…l’accordo non ha raggiunto gli obiettivi fissati” (è il titolo di un importante giornale del luglio 2004). Otto anni fa  la Corte dei conti, mentre i “patti per la salute” si susseguivano uno dietro l’altro, scriveva: ”il servizio sanitario…a distanza di 25 anni dalla sua istituzione non ha saputo sciogliere a pieno le sue più evidenti contraddizioni…per la sanità occorrono  misure strutturali in grado di intervenire  stabilmente  sul sistema”…aggiungendo significativamente…”ma che siano socialmente compatibili  per evitare di gravare  interamente sui contribuenti  e in particolare sulle fasce  a più basso reddito” e, concludendo in modo desolato, “non resta che prendere atto che la svolta è ancora lontana e che la nostra salute  è destinata a soffrire  non sempre (o non solo) a causa delle malattie”.

 
Da allora ad oggi la situazione è visibilmente peggiorata, la “svolta” si è allontanata ancora di più, al punto che viene da dire: caro Errani ma di che “tenuta  del sistema” stai parlando? Forse non ti sei accorto, nonostante i tanti patti per la salute sottoscritti, che la spesa privata si sta mangiando i diritti, che le tutele pubbliche si sono ristrette, che le diseguaglianze sono aumentate, che il sud  fornisce al nord  malati freschi, cioè cash, senza il quale esso non saprebbe come fare. Ma soprattutto non ti sei accorto che il gradimento dei cittadini è crollato. Giuro che non ce l’ho con Errani pur avendo avuto gratuite scortesie a causa del mio libro ”malati e governatori” del 2006 . Scortesie che non mi impediscono di  spendere una parola in difesa di questo “eroe della colletta”, innanzitutto dicendo che, a modo suo, è un eroe.
 
Egli è l’uomo che fa comodo a tutti, l’unico che  chiede soldi per la sanità a qualunque governo e che  fornisce gli alibi al grande conservatorismo sanitario. Errani permette a tutti  di dire: ”se le cose vanno male la colpa è delle risorse che non ci vengono date”. Però, caro Errani, adesso che il gioco si fa più pericoloso del solito, è giunto il momento di fermarsi, di riflettere e soprattutto di voltare pagina. Il gioco risorse/invarianza non regge più. Non si può più continuare a chiedere soldi senza produrre cambiamento, di quello buono. Anch’io voglio i soldi che servono alla sanità, altroché.
Ma oggi  per avere i soldi devo ricontestualizzare sanità e medicina, in questa società, con questa economia, in questa crisi. Per farlo efficacemente devo recuperare la grave regressività in cui è scaduta la sanità pubblica grazie a ritardi,politiche deboli,interventi superficiali. Tale regressività  che è la prima vera  fonte di antieconomicità del sistema. Ci vuole propriety  nei modelli,per non buttare via i soldi .L’appropriatness delle prestazioni in modelli  inappropriati  è acqua fresca. Ci vuole compossibilità tra diritti e risorse,la compatibilità la paga sempre il diritto. Caro Vasco, apri gli occhi, oggi di patto in patto ci state portando dritti dritti verso la privatizzazione. Eppure quando avete intascato, come Regioni, la riforma del Titolo quinto della Costituzione, la proverbiale bicicletta, sapevate bene che  avreste dovuto pedalare. Con quella riforma avete assunto tutti i poteri veri sulla sanità, svuotando il resto dello Stato, e rispetto al cambiamento sociale avete contratto un dovere di riforma che sino ad ora, non siete riusciti ad onorare. Questo potere, deve rimanere a voi, ma  dovete imparare ad  usarlo per cambiare, per reinventare, per ripensare…a partire da queste burocrazie miserevoli che sono le aziende.
 
Nei casi migliori avete migliorato ma senza cambiare, avete riorganizzato i modelli ma senza aggiornarne i loro fondamentali, avete fatto pasticci di ogni sorta (accorpando,scorporando,unendo dividendo, ecc) senza accorgervi di aver fatto sparire  piano piano qualsiasi nozione seria di territorialità. Caro Vasco, lo vuoi o no capire che il modello di finanziamento che abbiamo, non so più da quanti anni, è vecchio e inappropriato? Se tutto dipende dal pil quando il pil scende come  fai  a  chiedergli i soldi per la sanità? Lo vuoi o no capire che dobbiamo abbassare le malattie per abbassare la spesa? E che se continuiamo a tagliare sui servizi senza tagliare (si fa per dire) i malati quei malati aumenteranno di numero   prendendo  d’assalto i pronto soccorsi. Lo vuoi o no capire che la programmazione di cui la tua Regione è stata maestra di tutti noi, oggi è più che mai inconseguente? E che gli operatori sono stufi di essere trattati come delle merde perchè  sono anni che nessuno di voi è riuscito a proporre loro qualcosa di veramente serio, se non  continui insulsi richiami alla responsabilità, alla appropriatezza, alla economicità, ai blocchi di questo e di quello.
 
Vedrai caro Vasco che botto questi operatori faranno dopo il vostro “patto per la salute”! Credo proprio che  la misura sia colma.  E poi i cittadini! E che cavolo…non sapete fare altro che scaricare su di loro, con addizionali Irpef, ticket di ogni tipo, tasse diverse,  le vostre difficoltà di bilancio. Così non va bene. Dobbiamo prendere un’altra strada. E’ tempo di cambiare. Caro Errani so che quando ti batti per la sanità pubblica, sei sincero e per rispondere con  simpatia a scortesia  vorrei dedicarti un piccolo aforisma che ho scritto tanti anni fa su un libro che parlava di come “negoziare” il cambiamento in sanità: ”se non hai i mezzi per fare la tua politica, inventa una politica per  i mezzi di cui hai bisogno”.
 
Ivan Cavicchi
 

05 aprile 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy