Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Cancro, non è solo questione di stili di vita

09 OTT - Gentile Direttore,
nella recente presentazione del volume “I numeri del cancro in Italia 2019” curato da AIOM ed AIRTUM, viene riportata la diminuzione di 2000 casi di cancro in Italia per l’anno in corso, interpretando il dato come segnale di una “tendenza alla diminuzione”. Si tratta di una notizia della quale ovviamente ci rallegriamo, ma che riteniamo sbagliato enfatizzare, in quanto si tratta non di dati attuali dei registri ma di una stima di previsione e come peraltro è scritto: “… è l’ordine di grandezza l’informazione da cogliere e non il numero esatto, non a caso qui proposto in forma arrotondata”.
 
L’informazione è che in Italia ogni anno si ammalano di cancro circa 400.000 persone e questo è il dato, certo non trascurabile, cui a nostro avviso andrebbe prestata attenzione! Ma questo spunto ci offre l’occasione per segnalare come in questo Report, come nelle precedenti edizioni, il cancro continua ad essere interpretato come una malattia “genetica”: geni mutati inducono le cellule a proliferare in modo incontrollato.

 
Questa visione stereotipata nel tempo non tiene conto che da oltre 15 anni gli studi di epigenetica hanno dimostrato che l’incontrollata proliferazione cellulare che caratterizza il cancro può essere scatenata non solo da mutazioni geniche, ma anche dai processi che ne alterano le funzioni.
 
La metilazione di parti non codificanti del DNA può indurre il cancro, aumentando l’espressione oncogenica o bloccando la trascrizione di geni oncosoppressori ed assumendo, così, un ruolo centrale nella regolazione della proliferazione e differenziazione cellulare. Le modificazioni epigenetiche, ormai considerate come forza trainante della cancerogenesi, aprono nuove aree di ricerca nella valutazione del rischio, perché sono conseguenze dirette degli influssi ambientali (oltre che degli stili di vita).
 
Sono, infatti, reazioni adattative all’ambiente che ci circonda, ambiente che si è profondamente ed innegabilmente modificato nell’ultimo secolo sia dal punto di vista fisico (pensiamo alla espansione delle telecomunicazioni), che chimico per le migliaia di sostanze estranee, tossiche, persistenti e cancerogene ormai presenti in tutte le matrici ambientali (suolo, aria, acqua e cibo) che penetrano nei nostri corpi, condizionando negativamente il nostro stato di salute e, passando attraverso la placenta, anche quello dei nascituri (1-9).
 
Il considerare come base della cancerogenesi esclusivamente il vecchio modello genetico è una visione miope che porta ad avvallare tabelle obsolete ed ormai inadeguate sui “Fattori di Rischio” che vengono così descritti nel volume in questione: “il fumo di tabacco da solo è responsabile del 33% delle neoplasie; un altro 33% è legato ai cosiddetti stili di vita (dieta, sovrappeso, abuso di alcol e inattività fisica). I fattori occupazionali sono responsabili del 5% delle neoplasie. Le infezioni causano circa l’8% dei tumori… e l’inquinamento ambientale contribuisce per un altro 2%”!).
 
La relazione fra inquinamento ambientale e tumori ha, viceversa, un rilievo ben più consistente, supportato da numerosissimi studi epidemiologici, condotti in ogni parte del pianeta. In Italia ad esempio, questa relazione è confermata dal 5° rapporto SENTIERI ben sintetizzato dai suoi Autori anche in questo volume AIOM-AIRTUM, pur relegato in uno spazio limitato e lasciato a sé come un corpo estraneo. Ricordiamo che nei SIN (siti di interesse nazionale e da bonificare) l’eccesso stimato di patologie oncologiche in un arco temporale di cinque anni è risultato pari a 1.220 casi negli uomini e 1.425 nelle donne.
 
Nell’età da 0 a 19 anni nei 22 siti coperti da Registri Tumori l’eccesso di incidenza è stato del 9%, attribuibile soprattutto a sarcomi, leucemie mieloidi, linfomi NH e tumori al testicolo (10). Più in generale l’aumento di incidenza tumorale e di malattie croniche degenerative che si manifestano nelle aree più inquinate ed in età sempre più precoce interessando bambini, adolescenti e giovani adulti è l’aspetto più eclatante del legame fra ambiente e salute (11,12,).
 
Ma il problema non riguarda solo i SIN, se si pensa ad esempio alla contaminazione da PFAS/PFOA in Veneto o alla Pianura Padana vista dai satelliti: una delle aree più inquinate a livello globale. A tutto questo va aggiunto l’effetto transgenerazionale: gli effetti epigenetici che avvengono nei momenti critici dello sviluppo fisiologico del corpo (embrione, feto, infanzia, adolescenza) ed anche trasmessi dai genitori per via gametica, possono influenzare la salute dei nascituri sia nell’infanzia che nella vita adulta (13 – 18).
 
Uno studio condotto nel 2017 dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancrosull’incidenza mondiale dei tumori infantili e giovanili (0-19 anni) ha evidenziato i valori più elevati nei Paesi del Sud-Europa, con l’Italia nelle prime posizioni (19). Ma sui tumori infantili nel volume “I Numeri del cancro In Italia 2019” ci si limita ad un laconico: “in età infantile (0-14 anni) si trova una quota molto limitata del totale dei tumori (meno dello 0,5% dei tumori). Nelle prime decadi della vita, la frequenza dei tumori è infatti molto bassa, pari a qualche decina di casi ogni 100.000 bambini ogni anno”, trascurando di riportare che l’incidenza di tumori infantili in Italia è andata crescendo per 3 quinquenni consecutivi (1993-2008) per poi stabilizzarsi, ma senza mai regredire e confermandosi una delle più elevate a livello globale.
L’incidenza di cancro nell’infanzia non può essere ascritta all’invecchiamento o ad errate abitudini personali e su questo tema, così cruciale e che tanto interesse suscita nella comunità scientifica internazionale (20), una maggiore attenzione anche da parte dell’oncologia italiana ci sembrerebbe più che opportuna.
 
Il mondo è in grave sofferenza per un riscaldamento globale e progressivo e per un rischio incombente ed inimmaginabile per tutte le creature viventi. I ragazzi del mondo intero se ne sono accorti e protestano come possono. Di certo la grande parte dei fattori responsabili del disastro ambientale sono la diretta conseguenza delle attività antropiche, coincidono con sostanze tossiche e spesso cancerogene e sono il frutto di uno “sviluppo” che ha alterato gli equilibri stessi della biosfera e che non è in alcun modo più sostenibile.
 
La letteratura oncologica è ricca di lavori e report che associano l’insorgenza di tumori a cause inquinanti: digitando oggi in PubMed “Pollution and Cancer” si trovano 8.835 voci, e con “Pesticides and Cancer ” 8.557. Sono presenti ricerche epidemiologiche e metanalisi con dati impressionanti (vedi riferimenti bibliografici), che dovrebbero far riflettere sull’urgenza di un drastico e radicale cambio di rotta ed un cambiamento di mentalità e di programmazione della futura politica in termini di salute (21- 30).
 
A parte la battaglia contro il fumo, per la quale tutti concordiamo, riteniamo indispensabile rivolgere pari attenzione alle emissioni inquinanti, ai pesticidi in agricoltura, alle sostanze chimiche presenti anche in prodotti di uso quotidiano (spesso interferenti endocrini) ed anche all’inquinamento crescente da onde elettromagnetiche.
 
Continuare ad enfatizzare il ruolo dello stile di vita nella genesi del cancro significa di fatto “colpevolizzare”, da un lato, i pazienti che tanto spesso si chiedono inutilmente cosa possono aver sbagliato nelle proprie scelte personali, addossando loro anche questo tormento all’angoscia della malattia, e dall’altro, viceversa, “assolvere” coloro che hanno la responsabilità delle scelte politiche ed imprenditoriali nella nostra società. Nuovi paradigmi di Prevenzione Primaria devono essere pensati, assunti ed organizzati perché il tempo per cambiare le sorti della salute umana e quella degli esseri viventi del pianeta sta per scadere.
 
Ruggero Ridolfi, Patrizia Gentilini, Paola Zambon
Medici per l’Ambiente ISDE Italia
 
Riferimenti Bibliografici:
1. Widschwendter M, Fiegl H, Egle D, et al. Epigenetic stem cell signature in cancer Nature Genetics February 2007 Vol. 39 N. 2
2. Shen LIssa JP. Epigenetics in colorectal cancer. Curr Opin Gastroenterol. 2002 Jan;18(1):68-73.
3. Yamazaki J, Taby R, Vasanthakumar A, et al. Effects of TET2 mutations on DNA methylation in chronic myelomonocytic leukemia. 2012 Feb;7(2):201-7.
4. Roadmap Epigenomics ConsortiumKundaje AMeuleman WErnst J, et al. Integrative analysis of 111 reference human epigenomes. 2015 Feb 19;518(7539):317-30.
5. Nise M S, Falaturi P, Erren T C. Epigenetics: Origins and implications for cancer epidemiology Medical Hypotheses February 2010 74, Issue 2, Pages 377-382
6. Fraga MF, Ballestar E, Paz MF, et al. Epigenetic differences arise during the lifetime of monozygotic twins. Proc Natl Acad Sci U S A. 2005 Jul 26;102(30):10604-9.
7. Barouki RMelén EHerceg Z, et al. Epigenetics as a mechanism linking developmental exposures to long-term toxicity. Environ Int. 2018 May;114:77-86.
8. Vineis PChatziioannou ACunliffe VT, et al. Epigenetic memory in response to environmental FASEB J. 2017 Jun;31(6):2241-2251.
9. Bové HBongaerts ESlenders E,  et al. Ambient black carbon particles reach the fetal side of human placenta. Nat Commun.2019 Sep 17;10(1):3866.
10. Zona A, Iavarone I, Buzzoni C, Gruppo di Lavoro SENTIERI, Gruppo di Lavoro AIRTUM-SENTIERI, Gruppo di Lavoro Malformazioni Congenite-SENTIERI. Studio epidemiologico nazionale dei territori e degli insediamenti esposti a rischio da inquinamento. Quinto Rapporto Epidemiol Prev 2019; 43 (2-3) Suppl 1:1-208. doi: 10.19191/EP19.2-3.S1.032
11. Airtum Working Group and AIEOP Working Group. Italian cancer figures, report 2012: cancer in children and adolescents. Epidemiol Prev. 2013;37(1)Suppl.1:1-296.
12. Iavarone I, Comba P, Crocetti E, Biondi A. SENTIERI KIDS: protecting health and preventing childhood cancer in contaminated sites. Epidemiol Prev. 2013 Mar-Jun;37(2-3):113-14.
13.Perera F, Herbstman J. Prenatal exposures, epigenetics, and disease. Reprod Toxicol. 2011 Apr;31(3):363-373.
14.Peterson BSRauh VABansal R, et al. Effects of prenatal exposure to air pollutants (polycyclic aromatic hydrocarbons) on the development of brain white matter, cognition, and behavior in later childhood. JAMA Psychiatry. 2015 Jun;72(6):531-40.
15. Vaiserman AMKoliada AK. Early-life adversity and long-term neurobehavioral outcomes: epigenome as a bridge? Hum Genomics. 2017 Dec 16;11(1):34.
16. Woodruff TJ1, Zota ARSchwartz JM Environmental chemicals in pregnant women in the United States: NHANES 2003-2004. Environ Health Perspect.2011 Jun;119(6):878-85.
17. Mitro SDJohnson TZota AR Cumulative Chemical Exposures During Pregnancy and Early Development. Curr Environ Health Rep.2015 Dec;2(4):367-78.
18. Burkhamer JKriebel DClapp R The increasing toll of adolescent cancer incidence in the US.PLoS One.2017 Feb 24;12(2):e0172986.
19. Steliarova-Foucher E, Colombet M, Ries LAG, et al. International incidence of childhood cancer, 2001-10: a population-based registry study. Lancet Oncol2017; 18(6): 719-31.
20. Kriebel D, Hoppin PJ, Jacobs MM, Clapp RW Environmentaland EconomicStrategies for Primary Prevention of Cancer in Early Life. 2016 Nov;138(Suppl 1):S56-S64
21. Christiani DC Combating environmental causes of cancer. N Engl J Med. 2011 Mar 3;364(9):791-3.
22. Loomis D, GrosseY, Lauby-Secretan B,et al. on behalf of the International Agency for Research on Cancer Monograph Working Group IARC, Lyon, France The carcinogenicity of outdoor air pollution The Lancet Oncology, Volume 14, Issue 13, Pages 1262 – 1263, December 2013
23. Fortes CMastroeni SSegatto M M, et a Occupational Exposure to Pesticides With Occupational Sun Exposure Increases the Risk for Cutaneous Melanoma. J Occup Environ Med. 2016 Apr;58(4):370-5.
24. Mostafalou S,Abdollahi M Pesticides: an update of human exposure and toxicity. Arch Toxicol.2017 Feb;91(2):549-599.
25. Leon MESchinasi LHLebailly P, et al. Pesticide use and risk of non-Hodgkin lymphoid malignancies in agricultural cohorts from France, Norway and the USA: a pooled analysis from the AGRICOH consortium. Int J Epidemiol. 2019 Mar 18. pii: dyz017.
26. Turner MCWigle DT,  Residential pesticides and childhood leukemia: a systematic review and meta-analysis. Cien Saude Colet.2011 Mar;16(3):1915-31.
27. Van Maele-Fabry GGamet-Payrastre LLison D. Household exposure to pesticides and risk of leukemia in children and adolescents: Updated systematic review and meta-analysis. Int J Hyg Environ Health. 2019 Jan;222(1):49-67
28. Van Maele-Fabry GGamet-Payrastre LLison D. Residential exposure to pesticides as risk factor for childhood and young adult brain tumors: A systematic review and meta-analysis. Environ Int. 2017 Sep;106:69-90
29. ISDE Italy Working Group on Pesticides. Pesticides, agricultural practices, the environment and health. Position Paper ISDE-Italy May, 22 2015
30. ISPRA Rapporto nazionale pesticidi nelle acque. Ed 2018

09 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy