Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Demenza: ecco le azioni Oms. Nasce iSupport per guidare chi assiste i malati. Nel 2015 costi per 818 miliardi di dollari


L’Oms, in occasione della giornata mondiale sull’Alzheimer in programma il 21 settembre, ha elaborato una scheda sulla demenza definendola una sindrome - di solito di natura cronica o progressiva - in cui vi è un deterioramento della funzione cognitiva (la capacità di elaborare il pensiero) al di là di quanto si possa aspettare dal normale invecchiamento. Nascono l'Osservatorio globale sulla demenza e iSupport, soluzione web per chi assiste i malati. IL REPORT SULLA CONSULTAZIONE SULLO SVILUPPO DELL'OSSERVATORIO GLOBALE DI DEMENZA

20 SET - La demenza è una sindrome in cui si deteriora la memoria, il pensiero, il comportamento e la capacità di svolgere attività quotidiane.In tutto il mondo, circa 47 milioni di persone hanno demenza e ogni anno sono circa 10 milioni di nuovi casi. La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza e può contribuire al 60-70% dei casi. La demenza è una delle cause principali della disabilità e della dipendenza tra le persone anziane in tutto il mondo. La demenza ha un impatto fisico, psicologico, sociale e economico sulle cure, le famiglie e la società.

L’Oms, in occasione della giornata mondiale sull’Alzheimer in programma il 21 settembre, ha elaborato una scheda sulla demenza definendola una sindrome - di solito di natura cronica o progressiva - in cui vi è un deterioramento della funzione cognitiva (la capacità di elaborare il pensiero) al di là di quanto si possa aspettare dal normale invecchiamento. 

Interessa la memoria, il pensiero, l'orientamento, la comprensione, il calcolo, la capacità di apprendimento, il linguaggio e il giudizio. La coscienza non è influenzata. La disfunzione della funzione cognitiva è comunemente accompagnata, e talvolta preceduta, dal deterioramento del controllo emozionale, del comportamento sociale o della motivazione.

L'Oms riconosce la demenza come priorità di salute pubblica. Nel maggio 2017, l'Assemblea mondiale della sanità ha approvato il Piano d'azione globale sulla risposta della sanità pubblica alla demenza 2017-2025. Il piano fornisce un progetto completo di azione - per i responsabili politici, partner internazionali, regionali e nazionali e Oms per sviluppare la consapevolezza sulla demenza e creare iniziative favorevoli ad affrontarla riducendone  il rischio, aumentando le opportunità di diagnosi, trattamento e cura, ricerca e innovazione e dando sostegno ai malati di demenza.
In questo senso è stato sviluppata una piattaforma internazionale di sorveglianza, l'Osservatorio globale sulla demenza, per i responsabili politici e i ricercatori per facilitare il monitoraggio e la condivisione delle informazioni sulle politiche di demenza, sulla fornitura di servizi, sull'epidemiologia e sulla ricerca.

L'obiettivo primario è di raggruppare e diffondere dati chiave sulla demenza dagli Stati membri per supportare la pianificazione dei servizi basata sulle prove e il rafforzamento delle politiche e dei sistemi sanitari e sanitari.

La piattaforma web offrirà un facile accesso alle informazioni raccolte a livello nazionale, regionale e globale integrate da statistiche provenienti da altre fonti disponibili come l'Osservatorio globale della salute dell'OMS . L’Osservatorio sulla demenza renderà disponibili anche relazioni globali e regionali e schede informative specifiche per paese che riassumono la capacità di sistema di un paese per supportare le persone affette da demenza.
Inoltre, fornirà il meccanismo di monitoraggio per monitorare l'attuazione e il progresso del piano d'azione globale sulla risposta della sanità pubblica alla demenza .

L'Oms ha sviluppato anche iSupport, una soluzione per la salute elettronica che fornisce informazioni e abilità per la formazione di assistenti di persone che vivono con la demenza. Il primo studio sull'utilità e l'efficacia di iSupport sta avvenendo in India.
La demenza è anche una delle priorità nel programma d'azione per la salute mentale dell'OMS (mhGAP), che mira a ridurre la cura per i disturbi mentali, neurologici e di uso di sostanze, in particolare nei paesi a basso e medio reddito.

La demenza è causata da una serie di malattie e lesioni che influiscono principalmente o secondariamente sul cervello, come la malattia di Alzheimer o l'ictus.
La demenza è una delle cause principali della disabilità e della dipendenza tra le persone anziane in tutto il mondo. È schiacciante non solo per le persone che lo hanno, ma anche per i loro assistenti e le famiglie. Spesso c'è la mancanza di consapevolezza e comprensione della demenza, con conseguente stigmatizzazione e ostacoli alla diagnosi e alla cura. L'impatto della demenza nei confronti dei caregiver, della famiglia e delle società può essere fisico, psicologico, sociale ed economico.

In tutto il mondo, circa 47 milioni di persone hanno demenza, con quasi il 60% che vivono nei paesi a basso e medio reddito. Ogni anno, ci sono quasi 10 milioni di nuovi casi. La proporzione stimata della popolazione generale di età superiore ai 60 anni con demenza in un dato momento è compresa tra 5 e 8 per 100 persone. Il numero totale di persone affette da demenza è proiettato a circa 75 milioni nel 2030 e quasi triplicato entro il 2050 a 132 milioni. Gran parte di questo aumento è attribuibile all'aumento del numero di persone affette da demenza che vivono nei Paesi a basso e medio reddito.

La demenza ha implicazioni sociali ed economiche significative in termini di costi medici diretti, costi sociali diretti e costi di assistenza informale. Nel 2015, il costo complessivo globale della demenza è stato stimato a 818 miliardi di dollari, pari all'1,1% del prodotto interno lordo (PIL) globale. Il costo totale in percentuale del PIL varia da 0,2% nei paesi a basso e medio reddito a 1,4% nei paesi ad alto reddito.
 



20 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy