Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 LUGLIO 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Allattamento al seno: nuova guida Oms-Unicef per salvare la vita di 820mila bambini sotto i 5 anni

Secondo le due organizzazioni, l'allattamento al seno per i primi 2 anni potrebbe salvare la vita a più di 820.000 bambini l'anno di età inferiore ai 5 anni. La guida pratica incoraggia le nuove mamme ad allattare e informa gli operatori sanitari sul modo migliore per sostenere l'allattamento al seno che, secondo Oms e Unicef, è vitale per la salute di un bambino per tutta la vita e riduce i costi per strutture sanitarie, famiglie e governi, protegge i neonati da infezioni e salva vite umane, migliora anche il QI, la preparazione e la frequenza scolastica ed è associato a un reddito più elevato nella vita adulta. Riduce anche il rischio di cancro al seno nella madre. LA GUIDA OMS-UNICEF.

12 APR - Oms e Unicef hanno messo a punto e presentato ieri una nuova guida in dieci fasi per aumentare il sostegno all'allattamento al seno in strutture sanitarie che forniscono servizi di maternità e ai neonati. 

L'allattamento al seno di tutti i bambini per i primi 2 anni, secondo l’Oms, potrebbe salvare la vita a più di 820.000 bambini l'anno di età inferiore ai 5 anni.

La guida pratica incoraggia le nuove mamme ad allattare e informa gli operatori sanitari sul modo migliore per sostenere l'allattamento al seno.

L'allattamento al seno secondo Oms e Unicef è vitale per la salute di un bambino per tutta la vita e riduce i costi per strutture sanitarie, famiglie e governi. 

L'allattamento al seno entro la prima ora di nascita protegge i neonati dalle infezioni e salva vite umane. I neonati sono a maggior rischio di morte per la diarrea e altre infezioni quando sono allattati solo parzialmente o non sono allattati affatto al seno. 

E l'allattamento al seno migliora anche il QI, la preparazione e la frequenza scolastica ed è associato a un reddito più elevato nella vita adulta. Riduce anche il rischio di cancro al seno nella madre.

"L'allattamento al seno salva la vita. I suoi benefici aiutano a mantenere in buona salute i bambini nei loro primi giorni e fino all’età adulta", ha spiegato il direttore esecutivo dell'Unicef Henrietta H. Fore. "Ma l'allattamento al seno richiede supporto, incoraggiamento e guida. Con questi passaggi fondamentali, attuati correttamente, siamo in grado di migliorare in modo significativo i tassi di allattamento in tutto il mondo e dare ai bambini il miglior inizio possibile della vita."

Secondo il direttore generale Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus,  in molti ospedali e comunità di tutto il mondo, se un bambino può essere allattati al seno può fare la differenza tra la vita e la morte, e si svilupperà per raggiungere il suo pieno potenziale.

"Gli ospedali non esistono solo per curare i malati, ma per promuovere la vita e assicurare che le persone possano prosperare e vivere al massimo delle loro potenzialità", afferma. "Perché ogni Paese spinga a raggiungere una copertura sanitaria universale, non c'è modo migliore che garantire che i dieci passi per il successo dell'allattamento al seno siano lo standard per la cura delle madri e dei loro bambini".

La nuova guida descrive le misure pratiche che i paesi dovrebbero adottare per proteggere, promuovere e sostenere l'allattamento al seno in strutture che offrono servizi di maternità e ai neonati e dà indicazioni per aiutare le madri a iniziare l'allattamento entro la prima ora e l'allattamento al seno.

Descrive come gli ospedali dovrebbero mettere in opera una politica scritta sull'allattamento al seno, le competenze del personale e le cure prenatali e post-parto. 

Raccomanda anche un uso limitato dei sostituti del latte materno, il rooming-in, l'alimentazione reattiva, l'istruzione dei genitori sull'uso di biberon e ciucci e il sostegno quando madri e bambini vengono dimessi dall'ospedale.

I dieci passi di cui parla Tedros si basano sulle linee guida dell'Oms già pubblicate a novembre 2017, dal titolo Proteggere, promuovere e sostenere l'allattamento al seno in strutture che offrono servizi di maternità e neonati .
Dieci passi per un allattamento al seno di successo
 
Procedure di gestione critiche
 
1 bis. Rispettare pienamente il Codice internazionale di commercializzazione dei sostituti del latte materno e le risoluzioni pertinenti dell'Assemblea mondiale della sanità.
 
1b. Avere una politica di alimentazione infantile scritta che viene regolarmente comunicata al personale e ai genitori.
 
1 quater. Stabilire sistemi di monitoraggio e gestione dei dati in corso.
 
2. Garantire che il personale abbia sufficienti conoscenze, competenze e capacità per sostenere l'allattamento al seno.
 
Principali pratiche cliniche
 
3. Discutere l'importanza e la gestione dell'allattamento al seno con le donne incinte e le loro famiglie.
 
4. Facilitare il contatto pelle-a-faccia immediato e ininterrotto e sostenere le madri ad iniziare l'allattamento al seno il prima possibile dopo la nascita.
 
5. Sostenere le madri per iniziare e mantenere l'allattamento al seno e gestire le difficoltà comuni.
 
6. Non fornire ai neonati allattati al seno alimenti o liquidi diversi dal latte materno, se non indicati dal punto di vista medico.
 
7. Consentire alle madri e ai loro bambini di rimanere insieme e praticare il rooming-in 24 ore al giorno.
 
8. Supportare le madri a riconoscere e rispondere alle indicazioni dei loro bambini per l'alimentazione.
 
9. Aggiornare le madri sull'uso e sui rischi di biberon, tettarelle e ciucci.
 
10. Coordinare l'informazione in modo che i genitori e i loro bambini abbiano un accesso tempestivo all'assistenza.
 
L'inizio precoce dell'allattamento al seno, entro un'ora dalla nascita, protegge il neonato da infezioni e riduce la mortalità neonatale. L'inizio dell'allattamento al seno precoce aumenta le possibilità di un suo proseguimento positivo. 
 
L'allattamento al seno esclusivo per sei mesi ha molti benefici per il bambino e la madre. Il principale è la protezione contro le infezioni gastrointestinali e la malnutrizione, che si osservano non solo nei paesi in via di sviluppo ma anche nei paesi industrializzati.

Il latte materno è anche un'importante fonte di energia e nutrienti nei bambini di età compresa tra 6 e 23 mesi: può fornire la metà o più del fabbisogno energetico di un bambino tra 6 e 12 mesi e un terzo del fabbisogno energetico tra 12-24 mesi. 

Il latte materno è anche fonte di energia e nutrienti durante la malattia e riduce la mortalità tra i bambini che malnutriti.

I bambini e gli adolescenti che sono stati allattati al seno hanno anche meno probabilità di essere sovrappeso o obesi.
 

 

 

12 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy